The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 gennaio 2019

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Impariamo

a Conoscere il Suono

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Salute

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

- - -

Nuove linee guida sul rumore ambientale per l'Europa 2018 World Health Organization Europe

Salvaguardare il proprio benessere

Dott.ssa Elena Cipani

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

La risposta della Redazione

 

 

Quando la troppa "sensibilità" può diventare un problema per i vicini

 

Gent.ma Signora Yumi,

la vita di condominio comporta la produzione di rumori che sono provocati dalle tradizionali attività domestiche, le quali si sommano in relazione al numero di unità abitative che compongono l'edificio. Per questo diviene necessario definire delle apposite regole, ossia norme del condominio, che regolano l'esercizio di tali attività, quali la definizione delle ore dedicate al riposo e quelle nelle quali è consentito l'impiego di determinati apparecchi (lavatrice, tv, uso di strumenti musicali, etc). Ciò non toglie che, per assicurare un adeguato comfort acustico, è necessario poter disporre di un adeguato isolamento acustico fra le diverse unità abitative. Tali elementi si possono dunque suddividere in: gestione dei comportamenti ed efficacia delle caratteristiche acustiche dell'edificio.

Nel primo caso, le regole di condominio rappresentano spesso un utile e spesso risolutivo riferimento. Rispettare tali regole ricade nella responsabilità di ogni condomino al fine di assicurare una reciproca e pacifica convivenza.

Nel secondo caso, rientra fra i compiti del progettista, costruttore, ma anche dell'Amministrazione comunale locale che dispone dei relativi titoli edilizi, assicurare che la costruzione dello stabile segua precisi canoni costruttivi che, per edifici realizzati dopo il febbraio 1998, comporta il cercare di soddisfare almeno i requisiti previsti dal d.P.C.M. 5 dicembre 1997, recante "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici". Mentre, per gli edifici realizzati prima di tale periodo, non essendo previsti limiti cogenti, è compito del proprietario dell'unità abitativa provvedere alla messa in opera di adeguate soluzioni per limitare o contenere la diffusione di rumori intollerabili, qualora sia imposto dal provvedimento dell'Autorità (Giudice ordinario o Giudice di Pace), o qualora svolto da iniziativa di parte, al fine di tentare di sollevarsi da una possibile lite con il vicino.

E' altresì evidente che, se le carenze costruttive dello stabile sono così marcatamente rilevanti e tali che anche i lievi e tradizionali rumori di una normale vita domestica sono percepiti negli ambienti limitrofi come eccessivi, a causa dell'inadeguato o scarso isolamento della struttura, diviene difficile, alle volte persino, non sostenibile, il ricorso a delle opere di miglioria, tali da riportare l'isolamento a valori accettabili o, quantomeno, utili per rilevarne un apprezzabile miglioramento. In questi casi, pertanto, può essere riconosciuto un "indennizzo", ricompreso nella riduzione del valore dell'immobile, che si traduce anche in un ridimensionamento del canone d'affitto, qualora l'immobile sia ceduto attraverso regolare contratto di locazione.

Nell'ambito dell'assunto in capo all'articolo 844 c.c., che tratta la materia delle immissioni intollerabili, è necessario dunque fare riferimento anche alle condizioni dei luoghi e del contesto all'interno del quale tali immissioni vengono lamentate. Questo può finanche determinare che, se la condotta domestica tenuta dal condomino è rispettosa delle regole del condominio e le immissioni lamentate sono, invece, da imputare alle gravi carenze costruttive dell'immobile, il Giudice potrebbe persino sentenziare circa l'insussistenza dei motivi per ricorrere ad una responsabilità della parte nei cui confronti sono imputati le immissioni sonore, giacché è altresì necessario poter contemperare la compromissione del diritto al normale svolgimento della propria vita domestica ed il diritto alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita quotidiane, quali diritti costituzionalmente garantiti, allorquando, pur con tutte le dovute precauzioni del caso, risulti inevitabile la propagazione di tali immissioni.

Cordiali saluti.

 

 

La Redazione: 15.12.2018

 

 

E' anche grazie al contributo pubblicitario se riusciamo a sostenere in questo servizio

 

 

 

 

 

 

Formazione

International Noise Awareness Day

 

Giornata di Sensibilizzazione sul Rumore

 

24 aprile 2019

Eventi organizzati nelle Scuole italiane

 

Guida Lavoro

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

 

Associazione per isolamento termico e acustico

Arbitrato - conciliazione

FKL

Soundscapes & Sound Identities

Soluzioni al rumore ambientale

OpeNoise

Misurare il rumore

Solidarietà

Utilità

neuvoo.it

il motore di ricerca per Annunci lavoro

Codici

sconti e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it