The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2018

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Salute

Salvaguardare il proprio benessere

La posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

 

Protesta A cura della Redazione

 

 

9. Candidatura come Tecnico in Acustica Ambientale

19.05.2018

Ho scoperto soltanto da pochi giorni del termine per l'iscrizione come TCAA agli elenchi nazionali.

Ho chiamato la regione due giorni fa e mi hanno detto di aver pubblicato tutte le notifiche possibili in maniera adeguata, invece io ricordo bene che ad aprile 2017 non era ancora stato specificato questo discrimine e nonostante la mia presenza negli elenchi non mi è arrivata nessuna e-mail né da regione né dall'associazione Assform.

Stavo cominciando ora a trovare lavoro nel campo, grazie al vostro aiuto, dopo due anni di maternità e lavoro all'estero come operaio. Dal momento che non conoscevo nessuno studio cui appoggiarmi per esercitare l'attività di tecnico ho cercato stabilità in altri settori e da pochi mesi avevo ripreso lo studio dell'acustica per cominciare a svolgere i primi lavori in autonomia.

Questa "scadenza" a latere del Decreto n.42/2017 mi pare una privazione di un diritto acquisito e che la comunicazione a riguardo non sia stata affrontata contattando personalmente tutti i tecnici in lista mi sembra sia un assurdo che un segno di indifferenza e di mancanza di rispetto per coloro che per qualche casualità nell'ultimo anno non abbiano potuto esercitare.

Ricordo che la primavera dell'anno scorso questo decreto era stato presentato come inerente al riconoscimento dei futuri corsi per TCAA e dei futuri tecnici. Avendo letto insieme ai miei alunni soltanto queste linee generali non avevo nemmeno immaginato che sarebbe stata predisposta una scadenza per un titolo già conseguito. Non fui perciò motivata ad approfondire o visitare costantemente il portale Arpa in cerca di conferme, portale che tuttavia ho visitato proprio in dicembre (2017) per verificare la mia iscrizione in regione, e trovatolo molto lacunoso ho chiesto proprio il vostro intervento e finalmente grazie a voi ho ricevuto le prime offerte lavorative!

Certo, pur avendo avuto per due anni problematiche familiari di cui occuparmi ho passione per la materia ed ho provveduto aggiornarmi individuali, tuttavia, ripeto perché sono sconcertata, non avevo ipotizzato assolutamente che la mia iscrizione in Regione potesse essere messa in discussione in maniera tanto perentoria e con tanto affidamento casuale. Un mio collega già affermato e che lavora in uno Studio associato mi ha messo al corrente giusto una settimana fa della scadenza del D.Lgs. n.42/2017, confidandomi di essersene accorto anche lui soltanto da un banner sul portale di Arpa. Oltre a non avere mai ricevuto e-mail di avvertimento, cosa che mi pare indegna da parte della Regione, neppure in occasione delle mie ricerche sull'elenco (le ultime in febbraio) è infatti apparso alcun banner o link in riferimento alla disposizione del nuovo elenco nazionale.

Sono veramente affranta perché il mio studio è stato un investimento per il futuro e il mio interesse per la materia è tale che l'idea di non poter più avere il riconoscimento se non spendendo tanti soldi per un nuovo corso e studiando altri anni per una laurea, cosa che come madre non posso permettermi. Racconto la mia esperienza senza inibizione perché sono sicura che ci saranno tantissimi casi analoghi, che per un congedo temporaneo dalla professione hanno perso il frutto del proprio impegno, le loro certificazioni!

I referenti E-R per questo "ricollocamento" mi hanno detto di non avere potere di gestione della nuova lista nazionale. Sicuramente, visto che non si sono neanche preoccupati nell'arco di un anno di mandare delle e-mail di avvertenza ai tecnici registrati, dalla Regione non mi aspetto soluzioni d'ufficio. Questa legge e la sua modalità applicativa mi sembra fatta apposta per lasciare senza lavoro.

Per quanto sia stata mia la responsabilità di non tenermi informata in maniera approfondita, non ritengo affatto che una tale mancanza sia solo causa mia. Prima di tutto è stata una mancanza di diffusione comunicativa. Non è giusto che chi si sia trovato in difficoltà in questo periodo venga misconosciuto, perciò vorrei sapere se ci sono altre persone nella mia situazione e se è possibile fare ricorso.

Ringrazio del sostegno prestatomi, cordialmente.

 

Beatrice

» la risposta della Redazione

 

 

8. La precisione aiuta la comprensione

04.08.2013

La diffusione di luoghi comuni, di falsi ideologici e di preconcetti aumenta la diffusione dell'ignoranza, che è certamente la forma di inquinamento più grave che dobbiamo affrontare nel nostro quotidiano. L'intolleranza, dettata da superficialità, crea tutta una serie di incapacità alla comprensione, delle cose di questo mondo vi sono percezioni che divergono tra individuo e individuo, la tolleranza, unico strumento di salvezza per il nostro malato mondo contemporaneo, è pratica che va stimolata quanto più possibile, e la tolleranza fa sinonimo con percezione differente delle cose.

Leggo da tal Mario Novo, questo articolo da voi pubblicato: CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE IMMISSIONI DI RUMORE TOLLERABILITA' ED ACCETTABILITA'. Già la tracotanza di un tal titolo mi fa rabbrividire, ma sobbalzo nel momento in cui, all'interno dell'articolo leggo: "...rumore è qualsiasi sensazione uditiva e percettiva spiacevole".

Ecco è certo che costui, nella sua conoscenza dei fenomeni acustici, non abbia mai sentito parlare del geniale Luigi Russolo, che del rumore diede un'analisi scientifica, e non pregiudiziale, ma appunto la tracotanza, veicolo di pregiudizi ed intolleranza, appartiene alla cultura provinciale del nostro paese, ma vi pregherei, nella ricerca di una maggiore conoscenza scientifica, e psicologica dei fenomeni sonori, fare presente sul vostro sito, che spesso, nonostante le fesserie che del rumore si scrivono, siamo culturalmente portati - e magari interrogatevi sul perché - ad indicare il più bello e rilassante dei suoni, come un rumore: il rumore del mare.

Non solo, a conferma della superficialità dell'analisi dei fenomeni acustici, possiamo fare sempre riferimento ad un'altro fenomeno comune, uno dei maggiori disturbi al sonno nelle nostre città proviene dall'improvviso e devastante suono dell'allarme di un'auto, appunto, si dice suono dell'allarme di un auto, in quanto acusticamente l'allarme emette un suono, non un rumore, per cui tutto il fantasticare sul "suono" come consonanza piacevole, e rumore come una consonanza, per la presenza della "r", sgradevole "?!?!?!?!" perdono, logicamente, di ogni senso.

Provate semplicemente a digitare su google, appunto, rumore del mare, e sarete sorpresi di quanti elogi e benefici psicofisici la gente comune riscontra in questo bellissimo Rrrrrumore.

Gli assoluti sono un'idea sbagliata del mondo, non esiste nulla di totalmente negativo e nulla di totalmente positivo, il rumore appartiene a questa categoria di cose, il rumore è semplicemente un suono complesso ed irregolare, ma appunto è un suono, come un suono è il cinguettare degli uccellini, il cantare del baritono etc., etc. il rumore di unghie sulla scrivania è certamente un suono disturbante, ma disturbante è, al medesimo livello, chi totalmente privo di conoscenze acustiche scientifiche, definisce il rumore "...qualsiasi sensazione uditiva e spiacevole".

Un minimo di umiltà e di maggiore conoscenze dei fenomeni acustici, forse, renderebbe il vostro sito più interessante.

Con rumorosa cordialità.

 

Massimo Croce

Sito web: www.ozkyesound.altervista.org

» la risposta della Redazione

 

 

7. Come poter far abbassare il rumore di un pub-discoteca

02.05.2013

Gentile Redazione,

sono nata e vivo al lago Albano, nel comune di Castelgandolfo alla ribalta delle cronache mondiali per essere la residenza estiva dei Papi e definito dai suoi amministratori "città della pace e dell’accoglienza". Per me, però, da sei anni è la città dei diritti negati. Il sindaco non riconosce il mio diritto alla salute (art. 32 della Costituzione) violato da un pub-discoteca aperto sotto casa mia. Nascondendosi dietro discutibili controlli Arpa fatti anni fa (il locale non è insonorizzato né all’interno né all’esterno dove ospita clienti in giardino fino alle tre di notte con schiamazzi micidiali), per il primo cittadino valgono di più il diritto al lavoro e quello alla libera impresa del pub-discoteca.

Considerato che svolgo la mia occupazione in casa (sono scrittrice e con l'editoria digitale editore di me stessa), ho chiesto allora al sindaco che siano rispettati anche i miei diritti al lavoro e alla libera impresa, tutelati dagli articoli 4 e 41 della Costituzione, e non solo quelli del pub-discoteca. Finora, però dal sindaco silenzio assordante.

Ancora una volta sono discriminata dalle istituzioni, dove a quanto pare, non solo il diritto alla salute conta meno di quello al lavoro, ma un etto di porchetta vale pure più di un libro. Eppure, il sindaco nella sua pagina Facebook dichiara "diritti uguali per tutti" e di preferire i romanzi.

A questo punto, cosa deve fare un cittadino per veder rispettati i suoi diritti fondamentali?

 

Giacinta

» la risposta della Redazione

 

 

6. Abbassiamo il volume. Silenzio rifiutato

19.02.2012

Gentile Redazione,

da anni sono in lotta contro l’inquinamento acustico causato da feste e manifestazioni promosse e autorizzate dal comune di S.Benedetto del Tronto (AP) nel centro cittadino, vicino alle civili abitazioni, a decibel intollerabili e amplificati. Ho anche costituito un comitato di cittadini, di cui sono la Presidente.

Purtroppo, come già ho avuto modo di dire in una mia precedente lettera, non sono bastate denunce, petizioni, esposti alla Procura della Repubblica (tutti archiviati, malgrado palesi violazioni di legge e malgrado la mia opposizione). Rimane il fatto che il sindaco non ha mai risposto, né ha dimostrato interesse al problema, tanto è che il disturbo continua, costringendoci ad allontanarci ogni volta dalle nostre case. Di fronte alla latitanza delle istituzioni preposte e alla magistratura che continua ad archiviare, purtroppo non abbiamo alcuna difesa, malgrado la legge parli chiaro in fatto di diritto alla salute e alla proprietà.

Ultimamente, ho provato a denunciare con un esposto alla Procura di Ascoli Piceno, le mancate risposte del comune alle numerose istanze di accesso agli atti autorizzativi delle feste fracassone, appellandomi all’art. 328 del c.p "omissioni di atti d’ufficio", ma la Procura ha fatto richiesta di archiviazione con tale osservazione: "...con il silenzio rifiuto, sia pure per presunzione, si viene a compiere l’atto, e si viene a determinare una situazione che è concettualmente incompatibile con l’inerzia della pubblica amministrazione".

Naturalmente intendo fare opposizione a siffatte inaccettabili motivazioni. L’inerzia della pubblica amministrazione si configura nel non dare risposte in una materia che le pretende per legge, ovvero la salute pubblica. I controlli e le sanzioni, per la tutela dell’ambiente abitativo dall’inquinamento acustico, dovrebbero essere prassi normale e un cittadino non dovrebbe essere preso in giro in questo modo. Credo proprio che tutto ciò, sia un tangibile segnale di profonda inciviltà e arroganza, di totale negazione e riconoscimento di diritti basilari.

Cordiali saluti

 

Daniela Ballestra
Comitato "Abbassiamo il volume" S.Benedetto del Tronto (AP)

 

5. Misurazioni dell'ARPA inadeguate meritano un ricorso?

27.08.2008

Gentile Redazione,

sto valutando la possibilità di impugnare una rilevazione fatta da ARPA riguardo un misura di rumore prodotta da impianti di telecomunicazione, rumore fisso e costante 24h/7gg.

Vorrei aver il vostro parere sul caso.

La questione è che nella relazione non compare il calcolo del Leq(A) del rumore residuo, in effetti non è stato misurato per niente e di conseguenza nessun livello differenziale.

Inoltre non esiste nessuna evidenza di analisi di spettro per evidenziare componenti tonali della sorgente di vista la topologia di sorgente, mi aspetto che ci sia.

Da notare infine che abito in un Parco regionale ove i livelli assoluti misurati sono equivalenti ad una classe III e qualora venisse riscontrata la componente tonale che non è stata calcolata sarebbero in classe IV.

Il Comune dove abito si avvale ancora (dopo 15 anni) dell'art. 6 D.P.C.M. 1 Marzo 1997 tabella 1 (valori vecchi di 40 anni! - DM n 1444/68) per cui il Parco Regionale dove abito è un Zona A e quindi tutto a posto per loro.

Credete che la sto mettendo giù dura o posso andare dai carabinieri a denunciare il tutto!

 

Edoardo Binda

» la risposta dell'esperto

 

 

4. Due anni di rivendicazioni per dover iniziare tutto daccapo

17.05.2008

Gentile Redazione,

vivo sopra un bar. Due anni fa ho chiamato l'Arpa per il rilievo acustico, il bar risultò molto al di sopra dei limiti ricevendo anche una denuncia penale. Nonostante ciò e nonostante alcuni esposti, le autorità competenti non hanno emesso alcun provvedimento limitativo.

Adesso la situazione è peggiorata, in quanto il vecchio gestore ha ceduto l'attività e i nuovi hanno iniziato ugualmente ad emissioni acustiche con musica.

Mi domando se posso far valere i vecchi esposti anche con i nuovi gestori. Inoltre è ancora in corso il processo penale contro i vecchi gestori. Come si esce da questa situazione? Non ci sono leggi limitative per i gestori di attività sonore.

Nell'esposto ho fatto riferimento: alla legge 447/95; al DPR 28 maggio 2001 n. 311; al DPCM 16 aprile 1999 n. 215; alla legge di pubblica sicurezza del 18 giugno 1931, n. 773 in particolare all'art. 68.

Mi chiedo se ci sono altre norme a tutela di chi abita sopra tali attività, grazie.

 

Francesco Lucato

» la risposta dell'esperto

 

 

3. La disperazione di vivere in una casa vicino ad una strada a elevato traffico

18.01.2008

Gentile Redazione,

vivo da 5 anni in un appartamento in affitto al primo piano di una palazzina che dà sulla Statale 33 del Sempione. Le due camere da letto dell'appartamento danno direttamente sulla statale ed espongono due porte-finestre che misurano all'incirca 2x3 metri.

Gli infissi di queste due finestre sono logori e quindi pieni di spifferi. Inutile dire che il traffico assordante impedisce letteralmente il sonno, a parte una pausa di relativa quiete tra le 23.30 circa e le 6.45/7.00 del mattino.

Vivo con due genitori 60enni che ovviamente, pur percependo il problema, ritengo non ci siano vie d'uscita per chi è in affitto.

Il locatore, ad una mia velata protesta rispose con la simpatica frase "non vi siete ancora abituati al rumore", come se al rumore ci si potesse abituare!! Meno male che è un ultraottantenne!

Inutile descrivere lo stress, il senso di umiliazione, le ore di sonno perse, il senso di confusione, di irritazione e di aggressività che questa situazione provoca.

So che per agire è necessaria una misurazione oggettiva dei decibel in entrata nelle camere, ma per far questo ci vuole un tecnico acustico e i prezzi sono proibitivi: dai 300 euro in su! Possibile che queste misurazioni non possano avere un prezzo calmierato più accessibile?

Un inquilino è costretto a vivere in un appartamento del genere? Non dovrebbe essere compito del comune quello di assicurare che l'abitazione sia immune da inquinamento acustico da traffico?

Chi vive accanto ad una Statale, non avrebbe diritto a tutele dal punto di vista dell'inquinamento acustico? IL RUMORE UCCIDE!

 

W.V.

» la risposta dell'esperto

 

 

2. Mancanza della Valutazione di Impatto Ambientale dell'Aeroporto Catullo

29.12.2007

Gentile Redazione,

vorrei segnalare un aspetto a mio avviso importante: la mancanza del Decreto VIA dell'Aeroporto Catullo che, come conseguenza, ha fatto si che non sia mai stata effettuata nessuna mitigazione ambientale, in particolare contro il rumore aeroportuale.

In merito a questo vorrei segnalare che l'Aeroporto di Orio a Serio, nel bilancio 2006... ha stanziato 2,5 milioni di euro per opere di mitigazione ambientale... il Catullo... ZERO euro

Nei giorni scorsi, al fine di riuscire ad ottenere il Decreto di Compatibilità Ambientale dell'Aeroporto di Verona, ho inviato una lettera al Prefetto di Verona, al Difensore Civico di Verona e all'APAT

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/11/ho-scritto-al-prefetto-di-verona.html


Il prefetto e il difensore mi hanno risposto:

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/11/risposta-del-prefetto-di-verona.html

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/11/risposta-del-difensore-civico-di-verona.html

 

anche l'APAT ha poi risposto

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/12/ho-scritto-allapat-e-mi-hanno-risposto.html


Sono mesi che cerco di ottenere questo documento... che a quanto pare non è mai stato rilasciato per l'Aeroporto Civile di Verona anche perché forse non è mai stato richiesto.

Da anni l'Aeroporto di Verona si amplia e aumenta il traffico aereo e dei passeggeri... e quindi anche il rumore... e tutto questo avviene senza alcun intervento di mitigazione ambientale.

Ogni inverno tutti parlano sulle azioni a difesa dall'inquinamento, ma poi realizzano solo dei palliativi e i cittadini che risiedono nell'intorno dell'aeroporto, alcuni dalla nascita, ne subiscono le conseguenze.

Una mia segnalazione, in merito all'oggetto della presente inviata a: TG3 Ambiente Italia... è già stata trasmessa sabato 22 Dicembre 2007

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/12/23-secondi-su-tg3-ambiente-italia.html


Con la presente sono a chiedere un Vostro interessamento, su Caselle di Sommacampagna soffocato da tutto....

http://www.veronablog.com/2007/12/05/ridurre-linquinamento-a-sommacampagna/


Questo messaggio è stato pubblicato anche qui:

http://www.veronacomunica.it/news_descr.php?id=5769


In merito al rumore aeroportuale ho pubblicato anche questo messaggio:

http://vivicaselle.blogspot.com/2007/12/tassa-sul-rumore-aeroportuale.html.

Beniamino Sandrini

 

1. Complesso musicale

24.06.2007

Gentile Redazione,

siamo un complesso musicale e siamo stati denunciati per disturbo della quiete pubblica. A nostro parere è una accusa alquanto gratuita, poiché rispettiamo gli orari di riposo iniziando le prove alle 20:30 e chiudendole alle 22:30 e abbiamo un locale ben insonorizzato.

Ciò considerato, vorremmo sapere qual è il livello di disturbo calcolato in decibel, quali sono gli strumenti da utilizzare per il conteggio dei decibel e gli orari da rispettare, trattandosi comunque di un centro abitato.

 

Emanuele Noce

 

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Il potere terapeutico degli spazi verdi

 

Seminario esperienziale

 

9 giugno 2018

Hotel Olimpia

Via Pisacane

40026 Imola (BO)

 

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

494

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

FKL

Soundscapes & Sound Identities

 

Tecnica

Esperienze operative

Le soluzioni al rumore ambientale

 

 

OpeNoise

Misura del rumore da Tablet e Smartphon

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it