The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 24 marzo 2019

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Impariamo

a Conoscere il Suono

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Salute

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

- - -

Nuove linee guida sul rumore ambientale per l'Europa 2018 World Health Organization Europe

Salvaguardare il proprio benessere

Dott.ssa Elena Cipani

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

La risposta della Redazione

 

 

Disturbo da toelettatura per animali

 

 

 

Le attività connesse con esigenze professionali, quali quelle di toelettatura per animali, sono tenute al rispetto dei valori assoluti (emissione ed immissione) definiti dalla Classificazione Acustica del territorio comunale e dei valori limite differenziali di immissione previsti dall'articolo 4, comma 1, del d.P.C.M. 14 novembre 1997, recante "Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore".

Solitamente, il c.d. "criterio differenziale" rappresenta, per questa tipologia di sorgente, il criterio di verifica più restrittivo, dal momento che tali limiti sono verificati all'interno degli ambienti abitativi maggiormente esposti al rumore e nelle condizioni di maggior disturbo.

Inoltre, per attività diverse dalle categorie elencate dalla Tabella B, del d.P.R. 19 ottobre 2011, recante "Regolamento per la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle imprese", è necessario considerare che la domanda di autorizzazione all'esercizio dell'attività, presentata dal titolare al Comune, deve essere accompagnata da un'idonea documentazione previsionale dell'impatto acustico, redatta da un Tecnico Competente in Acustica Ambientale (TCAA), ai sensi dell'articolo 8, comma 4, della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 e s.m.i., recante "Legge quadro sull'inquinamento acustico".

Il documento di previsione dell'impatto acustico fornisce una stima dei livelli ai quali sono esposti gli ambienti abitativi esposti al rumore dell'attività, i quali sono determinati attraverso l'indicazione dell'isolamento acustico della struttura ospitante l'attività, oltreché dai livelli di rumore prodotti dalle apparecchiature e da qualsiasi altra attività generata all'interno dello stabile, finalizzata al suo esercizio, fra cui i latrati dei cani presenti all'interno della toelettatura, dal momento che un locale adeguatamente insonorizzato può spesso sopperire in misura radicale ai fenomeni di disturbo lamentati.

A tal fine, il disturbo può essere segnalato al Comune, il quale sarà chiamato a verificare la presenza o meno di tale documentazione previsionale, la corrispondenza fra quanto in essa contenuto e l'effettive condizioni dello stabile e delle modalità di conduzione dell'attività, provvedendo ad un eventuale suo adeguamento o integrazione degli elementi di valutazione qualora le condizioni esaminate dal TCAA risultino differenti o carenti, da cui potrebbe prefigurarsi anche le ipotesi sanzionatorie conseguenti alla realizzazione di un'opera in modo parzialmente o totalmente difforme dal permesso accordato dal Comune.

Qualora le condizioni di disturbo dovessero permanere anche dopo tale preliminare vaglio di verifica, il Comune potrà disporre le eventuali ed opportune verifiche fonometriche, inoltrando apposita richiesta all'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) territorialmente competente.

Se dall'esito degli accertamenti venisse riscontrato il supero dei predetti valori limite, a carico del titolare dell'attività è prevista l'irrogazione della sanzione amministrativa indicata dall'articolo 10, comma 2, della menzionata Legge quadro, e l'emanazione di apposita diffida con la quale disporre, previa presentazione di idoneo Piano di Risanamento Acustico, i termini per il rientro nelle soglie limite di rumore.

Restano in ogni caso fatte salve le eventuali responsabilità in capo all'articolo 659 C.P. che disciplina il disturbo delle occupazioni e il riposo delle persone, a condizione che il disturbo lamentato coinvolga una pluralità di soggetti, ossia più abitazioni, oltreché di quelle in capo al tradizionale ambito delle illecite immissioni, definite dall'articolo 844 c.c., attraverso cui è possibile rivendicare anche gli eventuali danni subiti.

In entrambe quest'ultime ipotesi, si ritiene opportuno voler preventivamente usufruire di un adeguato consulto legale, attraverso il quale valutare gli elementi di diritto offesi e definire gli utili elementi di prova, necessari per promuovere davanti alle rispettive Autorità l'esame di tale specifico caso.

 

 

La Redazione: 19.01.2019

 

 

E' anche grazie al contributo della pubblicità se riusciamo a sostenere questo servizio

 

 

 

 

 

 

Formazione

International Noise Awareness Day

 

Giornata di Sensibilizzazione sul Rumore

 

24 aprile 2019

Eventi organizzati nelle Scuole italiane

 

Guida Lavoro

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

 

Associazione per isolamento termico e acustico

Arbitrato - conciliazione

FKL

Soundscapes & Sound Identities

Soluzioni al rumore ambientale

OpeNoise

Misurare il rumore

Solidarietà

Utilità

neuvoo.it

il motore di ricerca per Annunci lavoro

Codici

sconti e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it