The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 07 ottobre 2018

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Salute

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Salvaguardare il proprio benessere

Dott.ssa Elena Cipani

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Utilità

neuvoo.it

il motore di ricerca per Annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

Rumorosità provocata dall'unità interna dell'impianto di condizionamento

 

Gentile Signora Piccoli,

mi divertirei a leggere certe conclusioni, se non fosse tragica la cosa che questo Tecnico, come CTU, dovrebbe essere un esperto.

Innanzitutto dipende da come si intende eseguire l’analisi, se secondo i livelli stabiliti dal DPCM 5/12/97 (requisiti acustici passivi minimi degli edifici) oppure secondo il criterio della “normale tollerabilità”, ovvero +3 dB sul rumore di fondo, inteso come livello statistico L95 (il livello che si riscontra nel 95% del tempo di misura sotto esame).

Il primo DPCM fissa come valore massimo delle sorgenti meccaniche interne negli appartamenti il valore di 35 dB(A) rilevato come LSmax (livello massimo di pressione sonora rilevato in costante Slow) per le sorgenti discontinue, e di 25 dB(A) di LEQ (Livello Equivalente, ovvero livello energetico mediato) per le sorgenti continue. Essendo la macchina una sorgente continua, dovendo funzionare per ore ed ore (e non mi si venga a dire che le macchine si spengono ogni tanto, altrimenti dovrei fare l’esempio del riscaldamento domestico) il livello massimo accettabile è quindi 25 dB(A).

Come vede la cosa è semplicissima, e le macchine, già come dichiarato dalla casa, non erano idonee per un ambiente domestico. Non riesco a credere che il CTU non fossa a conoscenza di questa norma…

Se invece si volesse fare riferimento rispetto al criterio della “normale tollerabilità”, allora è sufficiente effettuare un rilievo dei valori statistici per 15 minuti, vedere quale sia il valore del percentile L95 e sommare 3 dB a questo valore per vedere se i livelli siano accettabili.

Ad esempio, se la casa non è perfettamente isolata acusticamente, e si trova in una zona di grande traffico, è difficile trovare valori inferiori ai 25 dB(A) (in certi casi non sono sceso sotto i 32 dB(A)!!) e quindi è meglio riferirsi a questo parametro; ad esempio se trovo un valore di L95 pari a 27 dB(A); allora il livello massimo accettabile sarà di 27+3= 30 dB(A), che comunque è sempre un valore elevato per una camera da letto.

Ma chi ha scelto le macchine? Negli Hotel di alto livello, alla prima velocità degli split è richiesta una rumorosità massima di 22 dB(A), faccia Lei il confronto.

Distinti saluti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corsi

di formazione

 

Corso di Formazione per Tecnici Competenti in Acustica Ambientale e Specialisti in Acustica

 

Corso Suono, Rumore e Vibrazioni

 

26 ottobre 2018

Università degli Studi Roma Tre

00153 Roma (RM)

 

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

FKL

Soundscapes & Sound Identities

Soluzioni al rumore ambientale

La APP per misurare il rumore

OpeNoise

Misura del rumore da Tablet e Smartphon

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it