The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2017

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

La posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

La risposta della Redazione

 

 

Feste patronali e zero tutela degli abitanti?

 

Gent.ma Lettrice/Egregio Lettore,

limitatamente agli aspetti in ordine all'inquinamento acustico, l'esercizio di manifestazioni c.d. "temporanee", quali possono essere le feste patronali, rientra nella generica fattispecie dell'articolo 6, comma h), della Legge 26 ottobre 1995, n. 447, recante "Legge quadro sull'inquinamento acustico", per la quale viene demandato al Comune territorialmente competente la facoltà di autorizzare la festa anche in deroga ai valori limite di rumore richiamati dal d.P.C.M. 14 novembre 1997, recante "Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore", fissando al contempo le opportune limitazioni ritenute utili per assicurare un adeguato contemperamento delle due diverse e contrapposte esigenze, del riposo e della tranquillità da una parte e dello svago e del divertimento dall'altro.

A tal fine, la Classificazione Acustica del territorio comunale dovrebbe poter individuare le aree nelle quali è consentito l'esercizio di siffatte attività che, per livelli di rumore emessi e per il fatto che si ripetono con una certa cadenza (nel caso presentato di tipo annuale), possono essere fonte di disturbo per la popolazione esposta ai rumori da queste generati, avendo accortezza di individuare aree distanti da contesti abitativi consolidati o aree protette (scuole, ospedali, case di cura, etc.).

A ogni buon conto, l'autorizzazione deve includere il periodo e le fasce orarie nelle quali è consentito l'esercizio dell'attività, oltreché le eventuali procedure tecniche/organizzative attraverso le quali cercare di ridurre al minimo il disturbo, fra le quali pare utile voler annoverare la definizione di specifiche soglie limiti di rumore, da verificare in prossimità delle sorgenti di rumore (ad es. nelle immediate vicinanze delle casse acustiche) o in facciata alle abitazioni maggiormente esposte.

Inoltre, risulta forse utile rammentare che il predetto titolo non solleva il titolare dell'autorizzazione dalle eventuali responsabilità sanzionatorie previste dall'Ordinamento penale (articolo 659 C.P.) in materia di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, o da quello civile, in seno all'articolo 844 c.c. (immissioni), a seconda delle specifiche fattispecie contestate.

Ciò considerato, è facoltà delle persone interessate dai rumori promuovere davanti al Comune apposita istanza di modifica/integrazione dell'autorizzazione, incluso anche la definizione di una nuova area per le annate a venire, oltreché promuovere davanti alle Autorità competenti le ipotesi contravvenzionali penali o le pretese risarcitorie civili qualora sussistessero gli appropriati presupposti formali, dei quali pare utile farne preventivo vaglio attraverso un adeguato consulto legale, sempreché l'Amministrazione locale non intendesse adoperarsi efficacemente per limitare il disturbo lamentato.

Cordiali saluti.

 

La Redazione: 22.07.2017

 

 

E' anche grazie al contributo pubblicitario se riusciamo a sostenere in questo servizio

 

BS_19_IT_728x90.gif

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecniche innovative per il controllo del rumore e delle vibrazioni dei prodotti industriali

 

3° Seminario Acustica e Industria

 

15 febbraio 2018

44121 Ferrara (FE)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

492

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

FKL

Soundscapes & Sound Identities

 

Tecnica

Esperienze operative

Le soluzioni al rumore ambientale

 

 

OpeNoise

Misura del rumore da Tablet e Smartphon

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it