The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 07 ottobre 2018

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Salute

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Salvaguardare il proprio benessere

Dott.ssa Elena Cipani

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Utilità

neuvoo.it

il motore di ricerca per Annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

...Il Gran Premio di F1 di Monza non avrà più problemi di rumore

 

Egregio signor Stefanini,

Lei tocca un tasto più che dolente: infatti il tecnico di parte del Comune di Monza nella causa contro le due persone che avevano iniziato l’azione legale (e quindi non proprio tante) ero proprio io, e si figuri se non conosco esattamente come sono andate le cose.

Purtroppo in Italia si tende sempre a discutere dei problemi solo dopo averli creati, e mai prima quando si ha la possibilità di evitarli.

Io personalmente avrei chiesto al Sindaco che ha firmato i permessi di costruire della villetta a fianco della seconda variante se non era il caso di chiedere prima la verifica di clima acustico e poi decidere se variare la destinazione d’uso del terreno da agricolo a residenziale.. guarda caso qualcuno ci ha guadagnato, e non poco (e magari era anche Leghista, chissà).

Detto questo, per “salvare l’autodromo” qualcuno ha pensato bene di approvare questa legge (all’interno di un pacchetto per l’inquinamento atmosferico!!) per fare in modo che se i valori rilevati rispettino i Decreti esistenti, tutto sia a norma, evitando quindi l’intervento del “criterio della normale tollerabilità”.

Ora, a parte il fatto che, purtroppo, in un punto tra quelli sotto analisi presso l’autodromo non si rispettavano nemmeno (ma di pochissimo) i valori relativi alle piste automobilistiche fisse (e quindi in questo caso anche questa legge non avrebbe salvato la situazione dell’autodromo di Monza), il Deputato probabilmente non ha indagato sul perché della situazione (ovvero che qualcuno in Comune ha dato parere positivo all’edificazione senza chiedere le verifiche di Legge) ma ha pensato bene di cercare di stralciare tutto quello che in molti anni si è creato a tutela dei cittadini.

Intendiamoci: io ero e sono dalla parte del Comune di Monza e del suo diritto di fare rimanere attivo l’impianto, che è lì da quasi 100 anni e che quindi non era possibile da ignorare al momento dell’acquisto dell’abitazione (e soprattutto al momento di rendere edificabile un terreno agricolo), ma sono anche il primo a dire che non è possibile applicare il criterio della normale tollerabilità in un caso così particolare (le auto che transitavano in una via vicina fornivano lo stesso contributo.. perché ignorarle? Purtroppo il G.I. ha deciso altrimenti) e che non è possibile fare di tutta l’erba un fascio: non possiamo rischiare che centinaia di persone sopportino il rumore per una sola
sentenza, forse sbagliata.

In realtà il rischio di un decadimento del criterio della normale tollerabilità esiste, dato che alcuni tecnici, (non mi chieda il motivo) hanno pensato che la cosa semplificasse la vita, tuttavia non è così, visto che alcuni (pochissimi) altri, tra cui il sottoscritto, hanno deciso di creare un gruppo di studio, analizzare il decreto lettera per lettera e di fare le loro opportune considerazioni, che saranno poi sottoposte al giudizio dei Giudici (che fanno, ricordo, la Giurisprudenza interpretando questi Decreti) per vedere se veramente sia il caso o meno di abbandonare la vecchia strada.

In pratica io continuerò, nella causa in cui sarò CTU, ad andare su due binari, e poi deciderà chi di competenza.

Il rischio è alto, in quanto c'é effettivamente la possibilità che qualcosa cambi (in peggio) e che ci si trovi costretti a sopportare disagi enormi, ma fondamentalmente sono ottimista, visto che ci sono nel decreto alcune frasi che, se interpretate in un certo modo, rendono le metodologie di analisi praticamente impossibili.

Vedremo, ora mi aspetta una lunga fase di studio.

 

 

 

 



 

 

 

 

 

Corsi

di formazione

 

Corso di Formazione per Tecnici Competenti in Acustica Ambientale e Specialisti in Acustica

 

Corso Suono, Rumore e Vibrazioni

 

26 ottobre 2018

Università degli Studi Roma Tre

00153 Roma (RM)

 

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

FKL

Soundscapes & Sound Identities

Soluzioni al rumore ambientale

La APP per misurare il rumore

OpeNoise

Misura del rumore da Tablet e Smartphon

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it