The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

L'udito in gola

Articolo tratto da: Le Scienze
04.02.2008

 

Ricercatori della San Diego State University e dell'Università della California hanno scoperto una insolita via attraverso cui i suoni subacquei raggiungono l'orecchio e quindi il cervello dei cetacei. Lo studio, pubblicato sulla rivista Bioinspiration & Biomimetics, consente di chiarire alcuni importanti punti relativi ai meccanismi di disturbo dei rumori che interferiscono con la vita di questi animali.

Con una sofisticata tecnica di modellizzazione al computer (FEM, Finite Element Modeling) e l'aiuto di scansioni tomografiche, il gruppo di ricerca diretto da Ted W. Cranford ha infatti scoperto che i rumori che disturbano i cetacei, concorrendo spesso a provocarne lo spiaggiamento, arrivano al suo apparato sensoriale uditivo principalmente per una via insolita.

Cranford studia da anni i cetacei ed è il primo a essere riuscito a eseguire un esame tomografico in vivo di tutto il capo - l'operazione è stata eseguita in particolare con esemplari di zifio (Ziphius cavirostris) - ottenendo un quadro della sua complessa geometria anatomica. “Penso che i metodi sviluppati per questa ricerca abbiano la potenzialità di rivoluzionare la nostra comprensione dell'impatto del rumore sugli organismi marini”, ha osservato Cranford.

Dal 1968 si riteneva che le vibrazioni dei rumori viaggiassero fino agli ossicini dell'orecchio dei cetacei lungo le ossa della mascella inferiore e attraverso il grasso che circonda l'apparato uditivo dell'animale. Dallo studio appena concluso risulterebbe invece che, per la loro relativa sottigliezza di quello ossa, le onde sonore non sono in grado di propagarsi con efficienza lungo di esse, ma che invece esse si instradano lungo le strutture della gola per raggiungere una specifica struttura di tessuti adiposi che le comunicano all'orecchio.

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768