The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Tutela del diritto alla salute contro l'inquinamento acustico

Luglio 2005 - A cura di Domenico Chinello - avvocato del Foro di Venezia

 

L'articolo di questo mese è tratto da Altalex - quotidiano di informazione giuridica - e pone all'attenzione il disagio lamentato da alcuni censiti le cui abitazioni sono poste a poca distanza dalla tratta ferroviaria compresa tra il comune di Adria, provincia di Rovigo, e il capoluogo veneto.

Il caso in esame è certamente di interesse giacché nell'adottare il provvedimento in esame, il Giudice veneziano ha precisato che il superamento della soglia di tollerabilità, corrispondente ad un aumento del livello del rumore di fondo superiore a 3 dB(A), sia idoneo a ledere, di per sé, il diritto alla salute, potendo determinare delle limitazioni funzionali, anche se soltanto temporanee, dell'integrità psicofisica degli esseri umani, a prescindere dalla dimostrazione concreta di una vera e propria invalidità permanente. Da ciò la decisione di disporre, in via cautelare, l'eliminazione della fonte delle immissioni acustiche potenzialmente nocive, ordinando l'immediata cessazione del transito notturno di treni merci alla società che gestisce la linea ferroviaria.

In particolare, la vicenda ha avuto inizio allor quando la società di gestione del servizio ferroviario lungo la linea Adria-Venezia che, in precedenza, aveva sempre effettuato solamente il trasporto di passeggeri a mezzo di una motrice a poche carrozze, nell'estate del 2004, ha iniziato a far transitare svariati convogli per il trasporto di merci, anche nelle ore notturne.

Avverso una tale situazione, sono insorti due cittadini, che abitano a pochi metri di distanza dalla linea ferroviaria, lamentando che reiterato transito di treni merci aveva gravemente peggiorato la loro qualità della vita, in specie con riguardo al disturbo del riposo notturno.

Nell'ambito della fase istruttoria del giudizio, il Magistrato ha provveduto ad assumere un informatore in ordine ai fatti descritti in ricorso e ha disposto perizia fonometrica, incaricando il C.T.U. (consulente tecnico d'ufficio) di accertare i valori concreti delle immissioni acustiche lamentate dai ricorrenti.

Per un commendo dell'ordinanza inibitoria si rimanda all'articolo redatto dall'avv. Domenico Chinello. >> vai al documento (PDF 152 KB).

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768