The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre 2015

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

Le onde cerebrali controllano l’impatto del rumore nel sonno

Fonte: Scienze-Naturali.it

07.09.2011

 

Durante il sonno, la nostra percezione dell'ambiente diminuisce. Tuttavia la misura in cui il cervello umano reagisce ai rumori circostanti durante il sonno rimane poco chiara. In uno studio pubblicato questa settimana negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS), i ricercatori dell'Università di Liegi (Belgio) hanno usato l’imaging cerebrale per studiare le risposte ai suoni durante il sonno.

Gli studiosi hanno mostrato che l'attività del cervello di fronte al rumore è controllata dalle onde cerebrali specifiche durante il sonno. In particolare, le onde chiamate "fusi del sonno" prevengono la trasmissione dei suoni alle regioni cerebrali uditive. Al contrario, quando i suoni sono associati con le onde cerebrali chiamate "complessi K", l'attivazione delle aree uditive è maggiore.

La nostra percezione dell'ambiente non è quindi continuamente ridotta durante il sonno, ma piuttosto varia durante il sonno, sotto l'influenza delle onde cerebrali particolari. In questo studio, il team di ricerca guidato dal Dr. Dang Thanh-Vu e il Prof. Pierre Maquet (Cyclotron Research Center, Università di Liegi) mostra che l'attività cerebrale indotta dai suoni durante il sonno dipende strettamente dalle onde cerebrali che costituiscono il nostro sonno.

Usando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) in combinazione con l’elettroencefalografia (EEG), i ricercatori hanno evidenziato che delle aree cerebrali uditive rimangono attive in risposta ai suoni durante il sonno, tranne quando i suoni si verificano durante le onde cerebrali del sonno chiamate “fusi”. Lo studio mostra infatti che i fusi impediscono la trasmissione dei suoni alla corteccia uditiva. Al contrario, i suoni possono indurre la produzione durante il sonno delle onde cerebrali chiamate "complessi K".

I risultati portati da questo nuovo studio dimostrano che la produzione di complessi K dai suoni è associata ad una maggiore attivazione delle aree cerebrali uditive. Mentre i fusi evitano la trasmissione di suoni, i complessi K riflettono una trasmissione più importante di suoni al cervello addormentato. Gli effetti del rumore sul sonno sono quindi controllati da onde cerebrali specifiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in Acustica Ambientale

Riconosciuto dalla Provincia di Lucca

Corso di formazione

 15 dicembre 2015

Capannori (LU)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

491

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it