The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2020

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

Fisica onde musica

Approfondimenti dei fenomeni sonori

Laboratorio

UNIMORE

UniversitÓ di Modena e Reggio Emilia

 

MUSIC LAB

Laboratorio di musica

Musica e suono

Salute e psiche

Effetti e psicologia delle persone

Rubrica salute

Dott.ssa Elena Cipani

Psicologa

Musicamente

GIURIDICA

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

BACHECA

                                  

Annunci degli inserzionisti

Inserzioni

 

DIDATTICA

                                  

Opere di approfondimento

Documentazione

 

Posta dei lettori

 

 

Lettere dei lettori

 

 

Invia lettera

SALUTE

 Stima carico di malattia da rumore ambientale

Guida metodologica

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

                                           

Nuove linee guida Rumore ambientale Europa 2018

World Health Organization Europe

SITI WEB

 

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

Troppo rumore fa male al cuore

Uno studio pubblicato online sulla rivista European Heart Journal associa l'esposizione cronica al rumore ambientale con un aumento del rischio di attacco cardiaco. Il rischio sembrerebbe legato pi¨ agli effetti fisiologici del rumore che al fastidio da esso provocato, anche se sono state riscontrate differenze fra gli effetti sugli uomini e sulle donne.

La scoperta ha spinto i ricercatori dell'UniversitÓ CharitÚ di Berlino ad auspicare che i livelli di rumore sul posto di lavoro per i quali Ŕ previsto l'utilizzo di protezioni per le orecchie vengano abbassati dagli attuali 85 deciBel - il limite in vigore in quasi tutta l'Europa occidentale - a un valore compreso fra 65 e 75 deciBel. Secondo gli scienziati, questo accorgimento sarebbe importante soprattutto per le persone con problemi cardiovascolari.

Durante lo studio, che ha coinvolto tutti i 32 ospedali di Berlino fra il 1998 e il 2001, i ricercatori hanno confrontato oltre 2000 pazienti ricoverati per un attacco cardiaco e 2000 soggetti di controllo, ovvero pazienti ricoverati nei dipartimenti di traumatologia e chirurgia generale. Di tutti i partecipanti, tre quarti erano uomini e un quarto donne. L'etÓ media era di 56 anni per gli uomini e di 58 anni per le donne.

Lo studio era stato progettato per determinare l'associazione fra il rumore cronico e il rischio di attacco cardiaco, e per valutare i rischi del disturbo soggettivo e dei livelli di rumore oggettivi nell'ambiente e sul posto di lavoro. "I risultati - afferma Stefan Willich, il principale autore della ricerca - dimostrano che l'esposizione cronica al rumore Ŕ associata con un incremento lieve o moderato del rischio di attacco cardiaco. L'incremento pare legato soprattutto ai reali livelli di rumore e non al disturbo soggettivo. Le differenze osservate fra uomini e donne, tuttavia, richiederanno ulteriori investigazioni". Il rumore, infatti, aumenterebbe il rischio degli uomini di circa un terzo, mentre non avrebbe un effetto significativo sulle donne.

 

Fonte: Le Scienze (05/12/2005)

 

 

 

Fondo Ambiente Italiano

 

EVENTI

Pompe e valvole

Simulazione acustica e fluidodinamica

                                 

Webinar gratuito

03 dicembre 2020

Ore 10:30

programma

 

Marketing Sonoro

Strumenti di marketing

suoni e frequenze

Dott.ssa Brusegan

 

GUIDA LAVORO

Banca dati rumore

ISOLAMENTO

Manuale

di buona pratica

scarica pdf

A cura di Knauf

Isolamento termico acustico

soluzioni al rumore

 

PAESAGGIO

 

FKL

Paesaggio Sonoro

soundscapes

 

UTILIT└

Openoise

Per misurare il rumore

scarica l'App

 

                                  

Conciliazione

 

Annunci lavoro

                                  

cerca lavoro

 

 

cerca lavoro

 

Codici offerte

                                  

Per acquisti online

sconti e offerte

 

 

 

 

| Chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | Partners | privacy | Redazione |

 

Inquinamentoacustico.it « 2020

 

info@inquinamentoacustico.it