The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Rumori, l’orecchio è in grado di "spegnersi"

Fonte: IFG online
21.01.2009

Autore: Benedetta Dalla Rovere

 

Troppo rumore in discoteca o nel traffico? L’orecchio umano è in grado di “spegnesi” e smettere di ascoltare. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University grazie ad uno studio sugli effetti della proteina nAChR .

«Ci sono alcune incertezze su come sia usato il dispositivo che consente all’orecchio di filtrare i suoni», ha detto Paul Fuchus , autore dello studio pubblicato su PLoS Biology, e condirettore del Centro di biologia sensoriale della celebre università americana. «Siamo riusciti a dimostrare che il sistema dell’orecchio riesce a funzionare anche per prevenire i traumi».

Per migliorare il sistema di filtro dell’orecchio, il team di ricercatori si è concentrato sullo studio della proteina nAChR, che si trova nelle cellule sensoriali presenti nell’apparato uditivo.

Il team ha alterato un singolo blocco della proteina nAChR e ha ne ha testato l’efficacia su alcuni topi. «Questa mutazione è stata studiata per produrre il cosiddetto “ampliamento delle funzionalità” sulla quale l’effetto inibitorio della ACh dovrebbe essere maggiore del normale», spiega Fuchs.

I topi sottoposti alla sperimentazione sono risultati meno in grado di sentire suoni più gravi rispetto ai loro simili, mostrando che l’alterazione genetica che introduce la proteina nAChR è davvero in grado di “spegnere l’orecchio”. La maggiore abilità di questi topi di filtrare e bloccare i rumori riesce a proteggerne anche l’udito.

I ricercatori hanno fatto sentire ai topi suoni da 100 decibel e misurato la loro capacità uditiva. «Suoni da 100 decibel sono sgradevoli per l’orecchio umano ed è impossibile tenere contemporaneamente una conversazione», prosegue Fuchus. «Ma i livelli del rumore nei night club o nei concerti rock possono essere elevati e la prolungata esposizione a suoni così elevati può provocare anche una perdita di udito permanente».

Il gruppo di ricerca ha riscontrato che i topi, il cui udito era stato potenziato grazie alla proteina nAChR, avevano subito minori danni all’udito rispetto ai loro simili non sottoposti ad alcun esperimento. «Pensiamo che questo tipo di trattamento possa avere dei risvolti terapeutici importanti per prevenire i danni all’udito», aggiunge il ricercatore della John Hopkins. «Fino ad ora, non c’è una farmacologia specifica per l’udito. La notizia incoraggiante è che il meccanismo molecolare come quello della nAChR spesso implica la produzione di un solo gene, perciò c’è la reale possibilità di individuare e produrre medicinali specifici per l’orecchio in futuro».

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768