The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Udito super, l'orecchio ''allenato'' è la chiave per la concentrazione

Fonte: ASCA - Salute oggi
28.08.2009

 

(ASCA) - Chi ha “l’orecchio allenato” all’ascolto della musica riesce a distinguere meglio i suoni anche negli ambienti più rumorosi. È quanto emerge dallo studio pubblicato su Ear and Hearing dai ricercatori della Northwestern University di Evanston, Illinois (Usa), secondo cui l’educazione musicale consentirebbe alle persone di discernere suoni, rumori e discorsi anche nei luoghi in cui l’acustica è disturbata come, per esempio, in treno, al ristorante o in aereo.

Lo studio è stato condotto su 31 soggetti dell’età media di 23 anni e dotati di un udito normale, che sono stati divisi in due gruppi, in base alla loro esperienza musicale. Ai partecipanti è stato chiesto di ascoltare e individuare alcune frasi in un ambiente acustico sempre più rumoroso. Dall’analisi è emerso che i musicisti erano in grado di distinguere in modo più dettagliato i discorsi, grazie alla loro capacità mnemonica di discernere i suoni.

“La formazione musicale – spiega Nina Kraus, direttrice del Northwestern's Auditory Neuroscience Laboratory e principale autrice dello studio – rende i musicisti particolarmente bravi nell’individuare le melodie e i suoni prodotti dai loro strumenti rispetto agli altri. Il nostro studio ha dimostrato che la loro abilità si estende anche all’identificazione dei discorsi in presenza di un ambiente rumoroso”.

Secondo gli studiosi i musicisti hanno una maggiore predisposizione all’ascolto dei suoni poiché i toni, i tempi e la gamma dei suoni sono “impressi” con maggiore precisione nel loro sistema nervoso. “Un’addestramento musicale – conclude Kraus - potrebbe educare il sistema nervoso delle persone affette da deficit uditivi, consentendo loro una migliore qualità di vita”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768