The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Onde al servizio dei dipinti

A cura di Almanacco della scienza - 15/11/2006

 

Affreschi salvati dalle onde. Quelle acustiche, alla base di una tecnologia messa a punto dal Cnr per diagnosticare e localizzare i distacchi nei dipinti murali, generando delle vere e proprie mappe, senza entrare in contatto con il manufatto.

Una causa molto frequente di deterioramento di affreschi e di dipinti murali è dovuta alla presenza di distacchi non visibili a occhio nudo. Tali opere, infatti, sono strutture a più strati sovrapposti di intonaco con una più o meno buona aderenza tra loro.

Per individuare questa forma di degrado l’Istituto sperimentale di acustica (Idac) Orso Maria Corbino ha messo a punto una metodologia che riproduce immagini costruite grazie alla diversificata tendenza da parte delle varie zone del dipinto di assorbire una parte dell’energia dell’onda acustica proveniente da una sorgente. Le regioni che hanno una buona adesione al supporto murario, o tra i diversi strati, riflettono quasi completamente l’onda, mentre le aree interessate da distacchi assorbono energia e vibrano a frequenze dipendenti dalle caratteristiche della zona distaccata.

“La tecnologia descritta”, spiega Paola Calicchia dell’Idac-Cnr, “è protetta da brevetto ed è stata validata su affreschi nella Casa del Vasari in Borgo Santa Croce a Firenze.

Il dispositivo per le mappe acustiche offre il vantaggio di non entrare in contatto con l’opera e di poter essere utilizzato direttamente sul luogo. Rispetto al tradizionale metodo del martelletto, ancora impiegato dai restauratori, con questo dispositivo si possono costruire mappe anche estese di regioni affrescate, costruendole modularmente come nel caso della mappa dell’Angelo Architetto della Casa del Vasari che presenta una estensione di circa 2m x 1m, garantendo inoltre una facilità di lettura dei dati tecnici.

Il dispositivo non è ancora stato immesso sul mercato e attualmente necessita di una ulteriore fase di sviluppo e ricerca per la sua industrializzazione”.

 

Autore: Sandra Fiore

Fonte: Paola Calicchia, Istituto sperimentale di acustica ‘Orso Maria Corbino’, tel. 06/49934035-4058; e-mail: calicchia@idac.rm.cnr.it

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768