The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Il lavoro rumoroso può essere punito con sanzione penale?

A cura di greenreport.it - 20/06/2007

 

Il lavoro molto rumoroso può essere punito con sanzione penale. Lo dice la Corte di Cassazione con sentenza del maggio 2007 secondo la quale l’esercizio di un mestiere rumoroso “contra legge” potrebbe rientrare nella categoria di reato prevista dall’art. 659 C.P., comma 2.

Nonostante esista una legge che regola direttamente l’inquinamento da rumore (Legge n. 447/95) – e una relativa sanzione amministrativa - è possibile che chi lavora dopo le 23 facendo un rumore talmente forte da disturbare il sonno dell’inquilino del piano di sopra, possa essere costretto a pagare una somma di denaro perché ha commesso un reato.

La disposizione della legge sull’inquinamento acustico prevede una situazione generale che non menziona attività lavorative o specifiche azioni ma solo un’astratta violazione dei limiti di tollerabilità del rumore e di regolamenti comunali. Per la sua non specificità si applica la fattispecie prevista nel codice penale.

La sentenza della Corte ci ricorda della mancanza nel codice penale dei reati ambientali. Cioè di quei comportamenti lesivi dell’ambiente in quanto tali che producono come conseguenza danni alla salute umana o all’ordine pubblico. Quando si tratta di questioni che riguardano direttamente la tutela di un singolo diritto dell’uomo o della comunità non è assolutamente difficile rintracciare nella normativa la sanzione più adatta. Al contrario quando si tratta di tutelare l’ambiente, l’ecosistema e la natura dalle insidie dell’uomo il codice penale tace.

Ancora oggi manca un’apposita sezione riservata ai reati ambientali che permetta di punire non solo con multe, ma anche con arresto i danni provocati all’ambiente. Tale assenza denota la mancanza di una tutela dell’ambiente come bene di rilevanza costituzionale, avente un valore di per sé a prescindere dall’uomo e dai suoi diritti di proprietà.

 


Autore: Greereport.it - Quotidiano di approfondimento sulle tematiche ambientali

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768