The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2020

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su
Accorgimenti
Giurisprudenza
Propagazione
Requisiti acustici

Fisica onde musica

Approfondimenti dei fenomeni sonori

» Laboratorio

UNIMORE

Università di Modena e Reggio Emilia

 

» Lab musicale

Salute e psiche

Effetti e psicologia delle persone

» effetti del rumore

Dott.ssa Elena Cipani

Psicologa

» Musicamente

GIURIDICA

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

BACHECA

                                  

Annunci degli inserzionisti

» Inserzioni

 

DIDATTICA

                                  

Opere di approfondimento

» Documentazione

 

Posta dei lettori

 

 

Disturbo

 

 

» Invia lettera

SALUTE

 Stima carico di malattia da rumore ambientale

Guida metodologica

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

                                           

Nuove linee guida Rumore ambientale Europa 2018

World Health Organization Europe

SITI WEB

 

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

Isolamento acustico delle abitazioni

 

 

Un buon isolamento assicura una elevata qualità di vita degli spazi abitati

 

 

In attuazione dell'art. 3, comma 1, lettera e), della Legge n. 447/95, è stato emanato il d.P.C.M. 5 dicembre 1997 recante "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici", il quale stabilisce i requisiti acustici delle sorgenti sonore interne agli edifici ed i requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti in opera, allo scopo di contenere l'esposizione umana al rumore.

Il grado di protezione acustica, è differenziato asseconda della classe attribuita ai diversi ambienti abitativi, definita in relazione alla destinazione d'uso dell'immobile, come di seguito indicato.

 

categoria A

edifici adibiti a residenza o assimilabili

categoria B

edifici adibiti ad uffici e assimilabili

categoria C

edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili

categoria D

edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili

categoria E

edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili

categoria F

edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili

categoria G

edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili

 

Per ciascuna categoria sono indicati, per le partizioni verticali e orizzontali (pareti e solai), i valori minimi di isolamento, mentre per i servizi sono riportati i valori massimi ammissibili di rumore da non superare nell'ambiente ricevente, ossia nel locale in cui è avvertito il maggior disturbo. In particolare:

 

- indice del potere fonoisolante apparente (R'w), riferito a elementi di separazione tra due distinte unità immobiliari;

- indice di valutazione dell'isolamento acustico standardizzato di facciata (D2m,nT,w);

- indice di valutazione del livello apparente normalizzato di rumore da calpestio di solai (L'n,w);

- livello massimo di pressione sonora, ponderata A con costante di tempo "Slow" (LASmax), per i servizi a funzionamento discontinuo;

- livello continuo equivalente di pressione sonora, ponderata "A" (LAeq), per i servizi a funzionamento continuo.

 

Categoria dell'edificio

Parametri

R'w

D2m,nT,w

L'n,w

LAsmax

LAeq

D

55

45

58

35

25

A, C

50

40

63

35

35

E

50

48

58

35

25

B, F, G

50

42

55

35

35

 

Il menzionato d.P.C.M. è il primo e organico riferimento normativo nazionale per la protezione contro il rumore all'interno degli edifici civili, anche se presenta alcuni elementi critici, primo fra tutti quello di non aver definito le procedure di vigilanza e controllo della normativa. Inoltre, non è specificato se i requisiti indicati riguardano anche gli edifici esistenti e non viene fatta alcuna distinzione, all'interno della stessa categoria, tra edifici situati in zone tranquille e quelli posti in aree rumorose, con la conseguenza che mentre nel primo caso i limiti sono troppo restrittivi, nell'altro sono insufficienti.

Ciò nonostante, è utile considerare che la menzionata norma rappresenta, in ogni caso, il punto di riferimento nell'ambito di un'eventuale azione civile, qualora si intenda contestare l'inadeguatezza, sotto il profilo acustico, della struttura edilizia o la sua mancata realizzazione a "regola d'arte".

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

Fondo Ambiente Italiano

 

EVENTI

Il metodo BUTEYKO

Rieducare la respirazione

                                 

Corso

07 novembre 2020

Imola (BO)

» programma

 

Marketing Sonoro

Strumenti - marketing

» suoni e frequenze

Dott.ssa Brusegan

GUIDA LAVORO

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

Associazione per Isolamento termico acustico

» soluzioni al rumore ambientale

 

» Arbitrato conciliazione

 

FKL

Paesaggio Sonoro

» soundscapes sound identities

 

UTILITÀ

Openoise

                                  

Per misurare il rumore

» scarica l'App

 

Annunci lavoro

                                  

» cerca lavoro

 

 

» cerca lavoro

 

Codici offerte

                                  

Risparmiare negli acquisti online

» sconti e offerte

 

 

 

 

| Chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | Partners | privacy | Redazione |

 

Inquinamentoacustico.it ® 2020

 

info@inquinamentoacustico.it