The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Il cervello sente il silenzio analogamente ai rumori

(immagine: olio su tela di Giovanna Balilla)

Secondo due neurologi francesi il cervello è in grado di sentire il silenzio. I ricercatori dell'Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale francese, Pierre Fonlupt e Julien Voisin, hanno condotto alcuni studi in merito. I risultati di questa nuova ricerca sono stati pubblicati su The Journal of Neuroscience.

Quando una persona è immersa in un ambiente dove è completamente assente la presenza di suoni, si attiva un'area specifica del cervello, la stessa che si attiva quando si è all'ascolto di qualche suono.

Dalla ricerca si è notato che anche nei momenti in cui siamo avvolti dal silenzio e ci aspettiamo da un momento all'altro la comparsa di un rumore da una certa direzione dello spazio, nel nostro cervello si attiva anticipatamente la stessa area corticale che si attiverebbe nel momento in cui si ascoltasse un segnale concreto proveniente dalla stessa direzione.

Quello che evidenzia la ricerca è che questo fenomeno non è una semplice situazione di "attenzione" in attesa di un qualche evento, ma un fenomeno uguale in tutti gli aspetti all'ascolto di un qualsiasi rumore.

In passato uno studio analogo evidenzio una situazione simile per quanto riguarda la vista. Quando ci si aspetta di vedere una certa situazione o oggetto in una determinata area, ancor prima di vedere effettivamente, nel nostro cervello si attivano le stesse aree corticali che si attiverebbero nel momento in cui lo stimolo diventa concreto.

Grazie a questi studi che forniscono alcune indicazioni relative alle aree sensoriali del cervello si potrebbero ampliare le ricerche in merito ai disturbi d'attenzione, un campo dove sono presenti ancora molti aspetti ignoti.
 

Articolo tratto da: Universo ON line

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768