The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Va risarcito il sonno interrotto dall'abbaiare dei cani

Tratto da ADN Kronos - 7 settembre 2006

Va risarcito il sonno delle persone turbato dal continuo abbaiare dei cani. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, accordando mille euro di risarcimento a un catanese che, certificazione medica alla mano, aveva dimostrato che l'ininterrotto abbaiare, anche di notte, dei due cani del vicino aveva impedito il suo riposo. Non solo, la Suprema Corte dice anche chiaramente che la sanzione nei confronti dei proprietari di cani scatta anche se ''rimane leso l'interesse di una persona singola".

Stanco dell'ininterrotto abbaiare dei due animali, sia di giorno che di notte, Roberto P. si è rivolto alla giustizia per chiedere la condanna del proprietario degli animali. Di qui la sanzione di 100 euro d'ammenda a Vito D.B., inflitta dal Tribunale di Catania nel luglio del 2005, che riconosceva nei confronti della parte lesa anche un risarcimento di 1.000 euro per il sonno turbato.

Contro questa decisione il proprietario dei cani si è rivolto alla Cassazione, sostenendo che si trattava di un risarcimento eccessivo e che comunque l'articolo 659 del Codice penale sanziona chi turba la tranquillità e il riposo di più persone.

La Suprema Corte (sentenza n. 26107) ha dichiarato inammissibile il ricorso di Vito D.B. confermando anche la legittimità dei 1.000 euro di risarcimento accordati, ''avuto riguardo alla certificazione medica prodotta e alla durata del disturbo''. Quanto al fatto che, secondo la difesa del ricorrente, la sanzione doveva scattare solo in caso di disturbo di più persone, la Suprema Corte ricorda che ''anche il ridotto ambito delle molestie non esclude la sussistenza del reato potendo esso ravvisarsi anche nel caso in cui rimanga leso l'interesse di una persona singola''.

Problema, registra ancora piazza Cavour che in questo caso nemmeno si è posto, dal momento che ''l'abbaiare di cani specialmente di notte è un fatto potenzialmente idoneo a disturbare il riposo o l'occupazione delle persone che risiedono nelle vicinanze della fonte del rumore''.

.

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768