The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 01 aprile 2020

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

Fisica onde musica

Approfondimenti dei fenomeni sonori

» Università di Modena e Reggio Emilia

 

» laboratorio musicale

Salute e psiche

Effetti e psicologia delle persone

» effetti del rumore

Dott.ssa Elena Cipani

Psicologa

GIURIDICA

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

BACHECA

» Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

DIDATTICA

» Corsi formazione

LA POSTA

DEI LETTORI

Disturbo

Proposta

Protesta

» Invia lettera

SALUTE

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

- - -

Nuove linee guida Rumore ambientale Europa 2018

World Health Organization Europe

SITI WEB

 

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

Misura del suono in acqua

 

 

Apparecchi impiegati per la rilevazione del suono in un liquido

 

 

Per poter misurare il suono in un liquido è necessario utilizzare appositi sensori chiamati idrofoni. Il principio di funzionamento di tali apparecchi è simile a quello del microfono che in aria trasforma le vibrazioni di una sottile membrana dovute al transito dell’onda acustica. In acqua gli idrofoni comuni utilizzano sensori piezo-elettrici nei quali la pressione dell’onda acustica sulle superfici di un opportuno materiale cristallino genera un segnale elettrico.

Questo strumento è largamente utilizzato in marina per rivelare la presenza di navi tramite la ricezione dei rumori subacquei generati dall'elica in movimento e dai motori, da operazioni di prospezione o esplorazione geologica, da sonar, da attività sulla costa. In mare sono utilizzati per rilevare segnali prodotti da Cetacei e altre forme di vita.

Nel campo dello studio e della tutela dell'ambiente, gli idrofoni vengono utilizzati anche per valutare la quantità di rumore che le attività dell'uomo producono in mare, nei fiumi o nei laghi, in quanto un eccesso di rumore può avere effetti nocivi, non solo sui mammiferi marini, ma anche sul delicato ecosistema acquatico.

Conoscere come il rumore possa interferire con gli organismi che vivono sott'acqua, può aiutarci a definire le procedure tecniche e le norme che disciplinano l'attività dell'uomo allo scopo di tutelare questo delicato equilibrio biologico, nel rispettoso di entrambe le esigenze.

Partendo da questi presupposti nel 2009 è nato il Progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia denominato GIONHA (Governance and Integrated Observation of marine Natural Habitat) con lo scopo di promuove la tutela e la valorizzazione della risorsa marina e degli habitat di particolare pregio naturalistico che popolano l'area dell’Alto Tirreno, conosciuta anche come il "Santuario Pelagos". Il suo ecosistema marino-costiero, ricco e diversificato, è caratterizzato dalla presenza dei cetacei che assumono un ruolo fondamentale per la conservazione della rete trofica e diventano un indicatore significativo dello stato di salute dell’area.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EVENTI

 

L'Uomo e l'Universo

1° Congresso internazionale igienista

16-17 maggio 2020

Riconnettersi alle leggi della natura

Castel San Pietro Terme (BO)

 

Marketing Sonoro

Strumenti - marketing

» suoni e frequenze

Dott.ssa Brusegan

GUIDA LAVORO

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

Associazione per Isolamento termico acustico

» Arbitrato conciliazione

 

FKL

Paesaggio Sonoro

» soundscapes sound identities

 

» soluzioni al rumore ambientale

 

Utilità

Openoise

Misurare il rumore

Annunci lavoro

Motore di ricerca

» neuvoo.it

 

Codici offerte

Risparmiare negli acquisti online

» sconti e offerte

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it