The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2015

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su
Parte Civile
Criteri opertivi
Pubblicazioni

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

La posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Procedimento penale

 

L'azione di rivendicazione del disagio da rumore presso l'Autorità giudiziaria

 

 

Il Codice Penale disciplina le immissioni moleste con l'art. 659 c.p., il quale è inserito tra le contravvenzioni concernenti l'ordine pubblico e la tranquillità pubblica. L'ordine pubblico è il buon assetto ed il regolare andamento della vita sociale; la tranquillità pubblica, che rappresenta l'aspetto soggettivo dell'ordine pubblico, è la serenità d'animo che deriva al popolo dall'assenza di motivi di allarme, di commozione e di molestia.

Per questi motivi il reato può prefigurarsi anche come reato di pericolo e, dunque, per la sua sussistenza "…è necessario e sufficiente che i rumori prodotti abbiano una potenzialità diffusa verso un numero indeterminato di persone, ancorché non sia richiesto un turbamento della pubblica quiete e, una volta accertata l'idoneità della condotta, sia irrilevante la circostanza che il disturbo risulti avvertito da una o da più persone".(Cass. Pen., sez. I, 10 gennaio 1998, n. 238 - Pres. Gemelli), da ciò deriva che "…per essere penalmente sanzionabile ex art. 659 del C.P. la condotta di chi produce rumori e schiamazzi deve incidere sulla tranquillità pubblica - essendo l'interesse specificatamente tutelato dal legislatore quello della pubblica tranquillità sotto l'aspetto della pubblica quiete, la quale implica l'assenza di cause di disturbo per la generalità dei consociati -, di guisa che gli stessi debbono avere la potenzialità di essere avvertiti da un numero indeterminato di persone pur se, poi, in concreto, soltanto alcune persone se ne possono lamentare. Conseguentemente, la contravvenzione non sussiste allorquando i rumori arrechino disturbo ai soli occupanti di un appartamento, all'interno del quale sono percepiti, e non da altri, abitanti del condominio in cui è inserita detta abitazione ovvero trovantisi nelle zone circostanti: infatti, in tale ipotesi, non si produce il disturbo, effettivo e potenziale, della tranquillità di un numero indeterminato di soggetti, ma soltanto quello di definite persone, sicché il fatto, se del caso, può costituire illecito civile, ma non assurgere a violazione penalmente sanzionabile." (Cass. Pen., sez. I, 5 febbraio 1998, n. 1406, Pres. Carlucci).

L'articolo 659 C.P. prevede due distinte ipotesi di reato: una, contemplata dal primo comma, che punisce il disturbo della pubblica quiete da chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepitii di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, ritrovi o i trattenimenti pubblici; l'altra, disciplinata dal secondo comma, che punisce chi esercita una professione o un mestiere rumoroso contro le disposizioni della legge o le prescrizioni dell'Autorità.
Affinché possa ritenersi configurata la fattispecie contravvenzionale prevista dal primo comma, si deve accertare che:

  1. il soggetto abbia fatto schiamazzi (baccano di grida discordanti e disordinate) o rumori (grida veementi e tumultuose, alterchi, diverbi, fischi e ululati) oppure, abbia abusato (cioè adoperato in tempo o in luoghi o in modo contrario alle leggi e alle consuetudini) di strumenti sonori (che siano normalmente destinati alla produzioni di suoni - come strumenti musicali, radio, campane -, o siano adibiti eccezionalmente a tale uso - come casseruole, coperchi di pentole, ecc.) o di segnalazioni acustiche (clacson, trombe, sirene di navi) oppure, abbia suscitato o - avendone l'obbligo giuridico o la possibilità pratica - non impedito strepiti di animali (venga rumore prodotto dagli animali con gli organi vocali - nitriti, latrati, guaiti - o, con il loro movimento - calpestio, corse, campanelli legati alla coda, ecc.);

  2. per effetto dell'azione o dell'omissione suddetta (vedi articoli 40 e 41 c.p.) sia stato reso impossibile o notevolmente ostacolato il normale svolgimento delle occupazioni o del riposo di un numero considerevole e indeterminato di persone ovvero di uno spettacolo, ritrovo o intrattenimento pubblico;

  3. il soggetto, al momento della condotta, si sia reso conto (dolo) o avrebbe potuto rendersi conto (colpa) di arrecare disturbo. La giurisprudenza ha peraltro recentemente chiarito che l'oggetto giuridico del reato previsto dall'art. 659 c.p. è, oltre alla pubblica tranquillità, la quiete privata da ricomprendere anch'essa nel concetto di ordine pubblico. Conseguentemente il ridotto ambito delle molestie non esclude la configurabilità del reato, potendo la contravvenzione ravvisarsi anche nel caso in cui rimanga leso l'interesse di una singola persona, come ha affermato la Cassazione.

Relativamente alla fattispecie prevista dal secondo comma, occorre accertare che:

  1. il soggetto eserciti una professione o un mestiere rumoroso - cioè che non si può esercitare senza produrre rumori, (come, ad esempio, una scuola di canto, di ballo, di scherma, ecc.);

  2. il soggetto non si sia attenuto, nell'esercizio del mestiere o della professione, alle norme di legge o alle prescrizioni dell'Autorità. Se mancano tali norme o prescrizioni l'ipotesi in parola non può verificarsi, a sostenuto la Cassazione, ma qualora il soggetto unisca ai rumori necessari altri rumori non necessari troverà applicazione il primo comma di questo articolo.

In relazione a quanto previsto dal secondo comma, si rileva che le autorizzazioni all'esercizio di attività temporanee rumorose, quali attività di cantiere, manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, concertini, ecc., rilasciate dal Comune in deroga ai limiti di rumorosità previsti dalla vigente normativa in materia di inquinamento acustico (ai sensi dell'art. 6, comma 1, lettera h) della Legge n. 447/95), non mettono al sicuro il titolare dell'autorizzazione da eventuali responsabilità penali in presenza di accertato disturbo alla popolazione, così come affermato dalla Corte di Cassazione (Cass., sez. I, 4 dicembre 1995, Balestra; Cass., sez. I, 5 febbraio 1998, Nereo). La S.C. ha, infatti, evidenziato l'inefficacia dell'esistenza di un'autorizzazione amministrativa all'esercizio di un'attività rumorosa, sul presupposto che l'esercizio dell'attività autorizzata deve comunque esplicarsi nel rispetto delle leggi e delle prescrizioni a tutela della quiete pubblica. Inoltre, sebbene l'esercizio di attività rumorosa non sia sanzionabile ai sensi del secondo comma dell'art. 659 c.p. quando avvenga nel rispetto delle prescrizioni dell'autorità e delle disposizioni di legge, è comunque applicabile il primo comma della medesima disposizione qualora l'uso di strumenti sonori ecceda il normale esercizio dell'attività ed arrechi disturbo all'occupazione o al riposo delle persone (la fattispecie esaminata riguardava l'esercizio di attività di discoteca a carattere stagionale) (Cass., sez. I, 10 febbraio 1995, Mangone).

Questo breve excursus giurisprudenziale mette in chiara evidenza l'ampio spettro interpretativo cui fa capo l'art. 659 c.p. e, nel contempo, sottolinea l'importanza che ha l'organo accertatore nel valutare, caso per caso, la gravità e l'estensione del disturbo arrecato alla popolazione, con particolare riguardo alle emissioni sonore prodotte dall'uso abnorme degli strumenti normalmente utilizzati dal titolare dell'attività o a causa della produzione di altri rumori non strettamente connessi con l'espletamento della medesima attività. Tuttavia, è necessario ricordare che, per l'ipotesi contravvenzionale contemplata nel primo comma, è necessario fornire la prova dell'idoneità del rumore a cagionare turbativa della quiete pubblica, mentre con riferimento al reato previsto dal secondo comma dell'art. 659, l'evento perturbante deve ritenersi presunto dall'accertata violazione di norme e regolamenti. Al riguardo, preme ricordare che l'accertamento, potrà trovare fondamento anche senza una specifica perizia o consulenza tecnica, poiché il giudice potrà trarre gli adeguati elementi di convincimento attraverso altri mezzi di prova quali, ad esempio, le dichiarazioni testimoniali di persone in grado di riferire su fatti oggettivamente percepiti.

Relativamente alla ben più complessa questione dei rapporti intercorrenti tra la norma penale appena esaminata e la legge-quadro sull'inquinamento acustico, si ritiene che la questione è ancora aperta, tanto che è affrontata in modo differente da dottrina e giurisprudenza. Infatti, secondo il principio di specialità contemplato dall'art. 9 della legge 24 novembre 1981 n. 689 verrebbe da intendere implicitamente abrogato l'art. 659 c.p.. La Corte di Cassazione si è pronunciata nel merito (Cass., sez. I, 12 marzo 1997, Rosso, in Riv. pen. n. 4/1997 con nota di L. RAMACCI, Inquinamento acustico: la Cassazione individua l'ambito di applicazione della legge quadro e dell'art. 659 c.p.) osservando che le disposizioni in esame tutelano beni giuridici diversi ed è pertanto da escludersi l’implicita abrogazione dell'art. 659 c.p.. Inoltre, s'è aggiunto che è compito del Giudice verificare, caso per caso, se le vicende sottoposte alla sua attenzione configurino una violazione amministrativa conseguente all'inosservanza dei limiti fissati dalla legge-quadro, ovvero una lesione o messa in pericolo della pubblica quiete, sanzionabile in base all'art. 659 c.p.. Tale interpretazione appare, a tutt'oggi, quella prevalente anche se non sono rari i casi in cui l'Autorità Giudiziaria abbia assunto un'interpretazione opposta, ritenendo sussista un evidente rapporto di specialità tra la disposizione penale di cui al secondo comma dell'art. 659 e quella contemplata dall'art. 10 della legge n. 447/95 che favorisce l'applicabilità di quest'ultima rispetto a quella penale di carattere generale.

Alla luce delle pronunce sopra richiamate appare evidente che la Corte di Cassazione non ha ancora raggiunto un indirizzo univoco nell'individuare i rapporti intercorrenti tra la disciplina penale e quella amministrativa di più recente introduzione. È inoltre facile prevedere che ulteriori questioni saranno sollevate se e quando sarà data attuazione all'art. 16 della legge n. 447/95 che prevede l'abrogazione delle norme incompatibili con la legge medesima.

Sembra dunque che anche applicando l'indirizzo giurisprudenziale meno rigoroso restano comunque soggette a sanzione penale i casi maggiormente significativi, limitando l'applicazione delle norme amministrative alle meno gravi violazioni formali.

 

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in acustica ambientale TCAA

Politecnico di Milano

Corso di formazione professionale

1 ottobre 2015

Milano (MI)

Rete solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

490

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it