The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Il primo fonometro di precisione portatile al mondo

 

Tratto dal sito della Bruel & Kjaer Italia
 

 

 

Il fonometro 2203 è considerato il padre di tutti i fonometri. Fu il primo fonometro di precisione portatile al mondo totalmente transistorizzato. E' stato prodotto per 21 anni e sono state vendute 17.300 unità. Con gli aggiornamenti 2204 (costante di tempo Impulse) e 2209 (rilevatore di picco) si sono vendute 32.700 unità. Questa è la storia del primo fonometro portatile al mondo così come riportata nell'archivio e così come riportata da coloro che c'erano.

 

Novità dalla Fabbrica

50 anni fa l'avvento di nuovi prodotti era semplicemente annunciato nella sezione "News from the Factory" posta alla fine del technical Review edito dalla Brüel & Kjær; il numero 3 del 1960 contiene l'articolo sopra riprodotto

 

Dentro il fonometro 2203

Valvole e Transistor: una rivoluzione nel 1960

Nel 1962 il fonometro 2203 e l’Indicatore di Limite Acustico 2211 erano gli unici strumenti dotati di transistors. La disponibilità di transistor era limitata solo al tipo al germanio che generalmente non aveva un elevato guadagno, un basso rumore elettrico e una bassa corrente di dispersione. Fu così necessario ordinare in classi i transistors ed impiegare solo i migliori nei punti più critici (lo stesso procedimento fu impiegato con le resistenze disponibili solo con tolleranza del 20%: furono suddivise in classi al 2% di tolleranza).

 

Il preamplificatore per il microfono era speciale. In questo caso era impensabile l’uso del transistor e fummo costretti ad impiegare le valvole. Un oscillatore locale forniva l’alimentazione del catodo della piccola valvola attraverso un trasformatore; fu così possibile usare la valvola come inseguitore catodico. La valvola fu alloggiata in un dispositivo a molla per evitare l’eccesso di effetto microfonico.

 

Acustica
Realizzare misure acustiche sul microfono e sul contenitore non fu facile. La Brüel & Kjær non disponeva di una camera anecoica e nemmeno il DTH (più tardi conosciuto come DTU l’Università tecnica danese). Le misure furono condotte su un modello in scala del fonometro (2:1) posto in un contenitore con assorbimento asimmetrico lungo circa due metri.

 

Questa configurazione non fu particolarmente accurata e misure effettuate più tardi hanno confermato che le caratteristiche acustiche non erano quelle che ci si aspettava. Il microfono fu montato sul fonometro e l’influenza del corpo del fonometro è risultata di 2 dB contro il 1 dB aspettato. Più tardi questo errore fu corretto inserendo un collo d’oca tra il microfono e il suo alloggiamento. La norma internazionale per Fonometri di Precisione del 1965 fu completamente basata sul 2203 (con le necessarie migliorie nel corso degli anni) che è stato prodotto per 21 anni.

 

Incontro con i Reali

Il Dr. Brüel illustra il 2203 a Re Fedrico IX di danimarca

Dalla sua umile introduzione nel 1960 il 2203 si mescolò con l’alta società. In questa fotografia del 1970 il fiammeggiante Dr. Brüel presenta il 2203 al Re Federico IX di Danimarca (2° da destra) e alla Regina Ingrid di Danimarca (4a dalla destra). Vicino al 2203 potete vedere l’interno di un amplificatore di misura e nello sfondo ci sono generatori, analizzatori e schermi catodici.

 

Con un piccolo aiuto degli amici

Sistema di monitoraggio acustico senza presidio

Proprio come oggi anche negli anni ’60 il mantra della Brüel & Kjær era “forniamo sistemi completi”. L’affermazione trova riscontro nell’illustrazione che propone un sistema di misura donato da un consulente danese. Il segnale pesato A dell’uscita AC del 2203 (al centro) è portato sul dosimetro 4423 (in alto a sinistra) che fornisce il conteggio della dose che si può convertire in un LAeq mediante lo speciale regolo calcolatore fornito. Per risultati intermedi la macchina fotografica (a destra) azionata da un timer auto costruito dal consulente (in basso a destra) prende una foto ogni ora della dose indicata dal dosimetro; la fotografia sarà, quindi, impiegata più tardi per la lettura, la conversione dei risultati e la documentazione.

 

Analogamente il registratore di livello 2305 traccia in continuo su carta il livello di pressione sonora ponderato A ed è semplice porre annotazioni sulla stessa carta per la successiva documentazione. Per i valori statistici la posizione del pennino del registratore è rilevata attraverso uno speciale adattatore che attraverso un cavo attiva l’analizzatore statistico 4420 (in alto a destra). Il conteggio totale è disponibile e consente di calcolare tutta la statistica. In questo modo il sistema consente il campionamento nel tempo ad alta risoluzione, la statistica, i valori globali e anche l’analisi di frequenza se si impiega il filtro ad ottave 1613 posto sotto il 2203.

 

Nel pollaio

Sistema di monitoraggio acustico presidiato

Lavorare in campo col 2203 ed i suoi amici richiede destrezza, resistenza e determinazione. Restare seduti in un pollaio per giorni dovendo controllare i contatori dell’analizzatore statistico (alla destra), guardare il tracciato del pennino del registratore di livello (al centro), marcare ogni evento acustico sulla carta del registratore e cambiare il rotolo di carta ogni ora (operatore sulla sinistra) indossando una pelliccia e scarpe calde e col cestino del pranzo non era poi così male. E la cosa più interessante era che il 2203 era privo di bachi software.
 

Sulla strada

Misure Pass-By

Nello scenario stradale il 2203 è al centro dell’attenzione. Il microfono, montato su treppiede all’altezza standard di 1,2 metri, completo di schermo controvento per riparare il microfono da 1 pollice, indicherà il livello sonoro di qualunque veicolo che passa. L’operatore, calmo e confidente, controlla il rispetto dei limiti di legge e controlla l’equipaggio della moto alla ricerca del colpevole. Restano solo poche domande:

 

Quando e dove è stata scattata questa fotografia e perché il sidecar? Qualsiasi indizio o soluzione possiate avere sarà il benvenuto. Le motociclette sono una BMW R60/5 o R75/5 prodotte tra il 1969 e il1975 se questo può aiutarvi.

 

» documento PDF (336 KB)

 

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768