The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2020

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

Fisica onde musica

Approfondimenti dei fenomeni sonori

Laboratorio

UNIMORE

UniversitÓ di Modena e Reggio Emilia

 

Lab musicale

Salute e psiche

Effetti e psicologia delle persone

effetti del rumore

Dott.ssa Elena Cipani

Psicologa

Musicamente

GIURIDICA

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

BACHECA

                                  

Annunci degli inserzionisti

Inserzioni

 

DIDATTICA

                                  

Opere di approfondimento

Documentazione

 

Posta dei lettori

 

 

Disturbo

 

 

Invia lettera

SALUTE

 Stima carico di malattia da rumore ambientale

Guida metodologica

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

                                           

Nuove linee guida Rumore ambientale Europa 2018

World Health Organization Europe

SITI WEB

 

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

Percezione del rumore

 

 

Caratteristiche fisiche dei fenomeni sonori udibili

 

 

Il fenomeno acustico Ŕ originato dalla perturbazione della pressione atmosferica con carattere oscillatorio che si propaga attraverso un mezzo elastico (gas, liquido o solido). Tali perturbazioni possono venir generate da vibrazioni meccaniche e/o turbolenze aerodinamiche.

Le oscillazioni sono caratterizzate, oltre che dalla loro ampiezza, anche dalla loro rapiditÓ o frequenza. Solo un campo definito di ampiezze e frequenze pu˛ diventare ci˛ che noi comunemente sperimentiamo come suono.

Possiamo pertanto affermare che una sorgente sonora Ŕ un fenomeno fisico che, attraverso le vibrazioni meccaniche o la turbolenza dell'aria, genera dell'energia acustica nel campo di frequenze e ampiezze udibili.

Per quantificare il tipo di risposta umana all'energia sonora, in termini di sonoritÓ, di disturbo e di rischio, occorre misurare la pressione sonora, la quale Ŕ di per sÚ relativamente facile da misurare, poichÚ le variazioni di pressione sul timpano, che vengono percepite come suono, sono le stesse variazioni che agiscono sul diaframma del microfono di un fonometro (strumento impiegato per la misura dei livelli sonori), consentendone la misura.

 

Dalla percezione alla misura del suono

 

L'orecchio umano Ŕ un organo sensibile a variazioni di pressione sonora comprese fra i 0,000002 Pa (20 ÁPa) e 100 Pa, in una gamma di frequenze comprese fra 20 Hz e 20.000 Hz. Tuttavia, la sensazione uditiva in un soggetto normoudente non Ŕ legata a una variazione lineare della pressione sonora, bensý a una relazione di tipo logaritmico; per tale motivo le grandezze acustiche sono espresse in deciBel (dB). Il deciBel non Ŕ un'unitÓ di misura, ma un'unitÓ di relazione logaritmica. Pi¨ precisamente, il livello della pressione sonora, espresso in dB, Ŕ uguale a:


 

 

Dove p Ŕ la pressione acustica misurata e p0 Ŕ la pressione di riferimento, pari a 20 ÁPa.


 

Il valore di riferimento (20 ÁPa), corrisponde al valore della pressione sonora minimo, percepito da un individuo normoudente alla frequenza di 1.000 Hz, ossia 0 dB. Quindi, moltiplicando la pressione sonora per 10 non facciamo altro che aggiungere 20 dB al livello, per cui 200 ÁPa corrisponderanno a 20 dB, 2000 ÁPa a 40 dB, e cosý via.

Ci˛ nonostante, non Ŕ sufficiente considerare esclusivamente il livello della pressione sonora, in quanto il nostro apparato uditivo presenta una diversa sensibilitÓ ai suoni caratterizzati da una diversa composizione in frequenza; ossia ha una sensibilitÓ maggiore alle alte frequenze ed una minore a quelle basse. Nella tecnica fonometrica Ŕ perci˛ impiegato un filtro che simula tale risposta, indicato come curva di ponderazione "A".

La curva di ponderazione "A" Ŕ stata ottenuta a seguito di alcune indagini condotte su differenti gruppi di popolazione, distinti per etÓ e sesso, che hanno portato all'individuazione delle "proprietÓ medie" dell'orecchio; in particolare, la curva "A" approssima l'inverso della isofonica a 40 phon (il phon Ŕ l'unitÓ di misura del livello di intensitÓ soggettiva del suono). I risultati di tale sperimentazione sono riportati nella famiglia di curve isofoniche normalizzate dalla ISO 226, sopra riportata.

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

Fondo Ambiente Italiano

 

EVENTI

Il metodo BUTEYKO

Rieducare la respirazione

                                 

Corso

07 novembre 2020

Imola (BO)

programma

 

Marketing Sonoro

Strumenti - marketing

suoni e frequenze

Dott.ssa Brusegan

GUIDA LAVORO

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

Associazione per Isolamento termico acustico

soluzioni al rumore ambientale

 

Arbitrato conciliazione

 

FKL

Paesaggio Sonoro

soundscapes sound identities

 

UTILIT└

Openoise

                                  

Per misurare il rumore

scarica l'App

 

Annunci lavoro

                                  

cerca lavoro

 

 

cerca lavoro

 

Codici offerte

                                  

Risparmiare negli acquisti online

sconti e offerte

 

 

 

 

| Chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | Partners | privacy | Redazione |

 

Inquinamentoacustico.it « 2020

 

info@inquinamentoacustico.it