The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre 2015

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

Onde sonore per tornare a ritmo salute

Fonte: Adnkronos

09.09.2011

 

I suoni 'bussano' nel nostro corpo. Bussano, però, senza troppa educazione. In un istante entrano comunque. E il ritmo interno cambia. Un rischio ma anche un'opportunità. Sì, perché i tessuti del corpo sono ottimi conduttori dell'onda sonora ed entrano in vibrazione quando assorbono determinate lunghezza d'onda (pelle, tessuto connettivo, osseo e tessuto muscolare) in grado di percepire i suoni in maniera extra-uditiva. Specifici spettri di onde sonore sono in grado di favorire la rigenerazione sia di tessuti molli che di tessuto osseo. Ma, e questo è il rischio, campi elettromagnetici non controllati in cui siamo immersi (elettrosmog), emissioni sonore ad elevata rumorosità (inquinamento sonoro) rappresentano un pericolo per la nostra salute.

Parte da questa analisi condivisa il team di cervelloni che ha deciso di unire le forze per costruire nuove strade di guarigione e benessere. Scienziati, musicisti, studiosi, ricercatori, professori universitari che come un'orchestra interdisciplinare si muoveranno all'unisono con l'intento di studiare, recuperare e trasformare le sonorità e le musicalità delle persone e degli ambienti per 'trasformare' le distonie che mettono in crisi l'organismo nel medio-lungo periodo.

Disturbi del sonno, sintomi depressivi, fatica, fibromialgia, ansie, attacchi di panico, dolori di testa, attacchi di collera, sensibilità chimica multipla. Tante distonie che portano fuori ritmo il nostro corpo e come una stecca nel coro mettono alla prova l'armonia dell'insieme che è appunto il nostro organismo. Non c'è infatti solo l'inquinamento acustico o elettromagnetico ma è sempre più frequente e d'impatto anche quello chimico prodotto dai farmaci somministrati in modo errato o inadeguato e ancora da stoffe e coloranti degli indumenti. Lo stesso vale per il cibo.

Miliardi di anni sono stati necessari per costruire i nostri organi sensoriali, perché potessimo percepire e vivere. E poi ora che siamo nel momento di apoteosi dell'informazione che dà forma alla struttura siamo inquinati in ogni istante da quei segnali ambientali che determinano l'incremento della malattie.Tutte le forme di vita si sviluppano all'interno dell'ambiente di cui sono parte integrante. Cambiare la 'nicchia' vitale di cellule ed organismi complessi equivale a modificarne significativamente il comportamento biologico. Gli stimoli cui siamo costantemente sottoposti e che determinano l'ambiente in cui viviamo sono di natura chimica, fisica (acustica). E applicazioni terapeutiche di trattamenti quali campi elettromagnetici a bassa intensita', onde sonore, ultrasuoni ed infrasuoni, utilizzano la stimolazione 'fisica' del nostro corpo e non una terapia farmacologica.

Le cellule di cui è composto il nostro corpo presentano recettori proteici sulla membrana cellulare plasmatica che si possono attivare in risposta ad una variazione della differenza di potenziale di membrana. L'attivazione di questi recettori genera un effetto 'domino' modificando l'assetto metabolico-funzionale delle cellule. Un campo elettromagnetico (acustico) modifica l'assetto elettrico della membrana in modo proporzionale all'intensità del campo. Le proteine di membrana si legano allo scheletro cellulare che ne sostiene e mantiene la forma. I suoni sono fonti di sollecitazione meccanica del nostro corpo. Se quelli udibili sono il risultato di rapide fluttuazioni pressorie che determinano la formazione di onde sinusoidali, in grado di modificare l'assetto del sistema neuro-vegetativo e neuro endocrino, la musica può essere utilizzata a scopo terapeutico per patologie del sitema neuro-endocrino-immunitario.

Molti tessuti del nostro corpo sono, infatti, degli ottimi conduttori dell'onda sonora ed entrano in vibrazione quando assorbono determinate lunghezza d'onda (pelle, tessuto connettivo, osso e tessuto muscolare) in grado di percepire i suoni in maniera extra-uditiva. E specifici spettri di onde sonore sono in grado di favorire la rigenerazione sia di tessuti molli che di tessuto osseo. Musicoterapia e suoni isolati grazie alle penetrazione delle onde acustiche possono stimolare un risonanza perduta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in Acustica Ambientale

Riconosciuto dalla Provincia di Lucca

Corso di formazione

 15 dicembre 2015

Capannori (LU)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

491

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it