The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2020

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

Fisica onde musica

Approfondimenti dei fenomeni sonori

» Laboratorio

UNIMORE

Università di Modena e Reggio Emilia

 

MUSIC LAB

Laboratorio di musica

» Musica e suono

Salute e psiche

Effetti e psicologia delle persone

» Rubrica salute

Dott.ssa Elena Cipani

Psicologa

Musicamente

GIURIDICA

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

BACHECA

                                  

Annunci degli inserzionisti

» Inserzioni

 

DIDATTICA

                                  

Opere di approfondimento

» Documentazione

 

Posta dei lettori

 

 

Lettere dei lettori

 

 

» Invia lettera

SALUTE

 Stima carico di malattia da rumore ambientale

Guida metodologica

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

                                           

Nuove linee guida Rumore ambientale Europa 2018

World Health Organization Europe

SITI WEB

 

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

Acufeni, la spiegazione dal sistema limbico

Fonte: Italiasalute.it

Autore: Andrea Sperelli
Data: 12 gennaio 2011

 

Sono tante le persone affette da questo disturbo non grave, ma che riduce la qualità della vita con la presenza di un ronzio pressoché costante nelle orecchie. Stiamo parlando del tinnito, o acufene, una patologia al momento incurabile se non attraverso una terapia volta alla riduzione del danno, ovvero a ignorare il rumore a livello psicologico. Alcuni pazienti mostrano miglioramenti grazie all'ausilio di antidepressivi.

Gli acufeni sono causati da una perdita di sensibilità dell'udito a determinate frequenze, provocata a sua volta dai meccanismi di invecchiamento, da traumi o dall'esposizione prolungata a suoni che l'orecchio umano tollera malvolentieri. Di fronte all'impossibilità di riprodurre certi suoni ormai perduti, il cervello reagisce rimpiazzando questi ultimi con rumori artificiali. Di tale processo fanno parte specifiche aree cerebrali, ad esempio il sistema limbico, come suggeriscono i risultati di una recente ricerca pubblicata sulla rivista specializzata Neuron.

Il prof. Joseph P. Rauschecker, l'autore dello studio che lavora presso il Georgetown University Medical Center, non sembra avere dubbi: “riteniamo che questa cattiva regolazione del sistema limbico sia all'origine del tinnito cronico”. In sostanza, il sistema limbico, coinvolto anche nella gestione e nell'elaborazione delle emozioni, non riesce più a limitare l'accesso di certi suoni all'udito, determinando così la reazione del cervello che produce il tinnito. I ricercatori hanno verificato un'attività superiore al normale nella zona del nucleo accumbens, area interessata nella gestione della ricompensa e delle emozioni: “ciò suggerisce che questo circuito sia parte di un sistema più complesso destinato a determinare quali sensazioni siano importanti e quando meritino di essere percepite", spiega Rauschecker.

Una seconda ricerca dell'Università del Texas si è concentrata sulla soluzione del problema, identificando una procedura in grado di aiutare il cervello a non produrre più quei suoni così fastidiosi. Il coordinatore del progetto, Michael Kilgard, precisa: "pensiamo che la parte del cervello che elabora i suoni, la corteccia uditiva, deleghi troppi neuroni alle stesse frequenze, che così alla fine danno un'attivazione maggiore di quella che dovrebbe esserci".

I ricercatori americani hanno utilizzato un gruppo di topi esponendoli a un rumore e aumentando nello stesso tempo il numero di neuroni sintonizzati su frequenze diverse da quelle interessate dal tinnito. La sperimentazione è durata 3 settimane e la stimolazione è stata ripetuta 300 volte al giorno. Sulla base della reazione della corteccia uditiva, gli scienziati texani hanno scoperto che i neuroni associati all'acufene erano tornati alla loro normale attività. Il prof. Kilgard sottolinea la novità introdotta da questo tipo di terapia: “a differenza degli altri trattamenti, non cerchiamo di mascherare il tinnito, ma di riportare il cervello dallo stato in cui genera questo disturbo a quello precedente, eliminando la fonte del disturbo".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fondo Ambiente Italiano

 

EVENTI

Pompe e valvole

Simulazione acustica e fluidodinamica

                                 

Webinar gratuito

03 dicembre 2020

Ore 10:30

» programma

 

Marketing Sonoro

Strumenti di marketing

» suoni e frequenze

Dott.ssa Brusegan

 

GUIDA LAVORO

Banca dati rumore

ISOLAMENTO

Manuale

di buona pratica

» scarica pdf

A cura di Knauf

Isolamento termico acustico

» soluzioni al rumore

 

PAESAGGIO

 

FKL

Paesaggio Sonoro

» soundscapes

 

UTILITÀ

Openoise

Per misurare il rumore

» scarica l'App

 

                                  

» Conciliazione

 

Annunci lavoro

                                  

» cerca lavoro

 

 

» cerca lavoro

 

Codici offerte

                                  

Per acquisti online

» sconti e offerte

 

 

 

 

| Chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | Partners | privacy | Redazione |

 

Inquinamentoacustico.it ® 2020

 

info@inquinamentoacustico.it