The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Musica nei rifugi in alta quota

Aprile 2005 - A cura di Luciano Mattevi

 

La montagna rappresenta nell'immaginario comune un luogo di tranquillità, in cui sono percepibili i soli suoni della natura. Purtroppo, alle volte, questo silenzio viene interrotto dalla musica ad alto volume diffusa nei rifugi, i quali per attirare la clientela promuovono serate "disco" in alta quota.

Fatti salvi gli eventuali aspetti penali in capo all’art. 659 C.P., in ambito amministrativo lo svolgimento di siffatte attività rumorose è soggetto al rispetto dei limiti previsti dal d.P.C.M. 14 novembre 1997 recante “Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore”. Tuttavia, sono escluse da tale limitazione le c.d. attività temporanee, ossia quelle attività e manifestazioni che sono svolte in luogo pubblico o aperto al pubblico per un periodo di tempo limitato, le quali possono essere autorizzate dall'Autorità sindacale locale. Mentre, in assenza di tale autorizzazione, devono essere osservati i limiti di rumorosità stabiliti dal citato d.P.C.M., il quale contempla la valutazione sia dei valori assoluti, definiti dalla classificazione acustica del comune territorialmente competente, sia dei valori limite differenziali di immissione. I rilevamenti e le verifiche dei primi sono effettuati in corrispondenza degli spazi utilizzati da persone e comunità, mentre la verifica dei secondi è eseguita all’interno degli ambienti abitativi.

In quest’ultima circostanza, appare chiaro che, in assenza di ricettori esposti (abitazioni, strutture ricettive o altro), le eventuali verifiche fonometriche sono limitate ai soli limiti assoluti, ovvero in mancanza della classificazione acustica da parte del Comune, ai limiti di accettabilità previsti dall’art. 6 del d.P.C.M. 1° marzo 1991.

Alla luce di quanto esposto, in assenza di una precisa e specifica regolamentazione circa lo svolgimento di attività rumorose in ambienti montani, la tutela dell'ambiente naturale è demandata all’Autorità sindacale, la quale può ordinare la sospensione di dette attività rumorose qualora, in base ai principi istitutivi della legge 26 ottobre 1995, n. 447 recante “Legge quadro sull’inquinamento acustico”, le stesse rappresentino un chiaro elemento di deterioramento degli ecosistemi o possa interferire con le legittime fruizioni degli ambienti stessi.

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768