The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Lavorare per una mobilità sostenibile

Febbraio 2010 - A cura di Luciano Mattevi
 

Il ventesimo secolo è stato caratterizzato dall’enorme sviluppo dei mezzi di trasporto, in particolare veicolare e aereo. L’imponente domanda di mobilità richiesta dal mondo industrializzato ha scaturito il proliferare dell’industria aereonautica e automobilistica, con evidenti ricadute economiche e, quindi, occupazionali sui Paesi produttori. Nel contempo, l’aumento di tali mezzi ha determinato anche un significativo impatto sull’ambiente, sulle risorse naturali, sulla popolazione. Basti pensare che la principale causa dell'inquinamento fonico in Europa è imputabile al traffico veicolare.

In Italia il principale mezzo di trasporto è l’automobile; per molte aree del nostro Paese rappresenta, ancora oggi, l’unico mezzo per poter raggiungere il posto di lavoro, fare la spesa, portare i bambini a scuola. L’automobile da mezzo di trasporto d’elite, dei primi anni del ‘900, è divenuto il principale e più diffuso mezzo di trasporto di massa.

Gli effetti negativi di tale “sviluppo” sono noti: smog, rumore, stress. Eppure, non pare visibile all’orizzonte un chiaro segnale di svolta, almeno finora. Per molti, infatti, il futuro del trasporto è legato allo sviluppo dell’energia derivata da fonti rinnovabili o il cui impatto sull’ambiente è ridotto.

La propulsione con motori elettrici o ibridi sembra costituire, per il momento, una soluzione che permetta l’impiego anche su vasta scala. Nelle nostre città circolano da tempo veicoli con motori elettrici accoppiati con motori a carburanti fossili (Benzina o Gasolio) da cui vengono alimentati. La loro diffusione è, tuttavia, limitata, tanto che rappresentano una percentuale troppo bassa per poterne apprezzarne i benefici effetti. Ma il futuro che ci attende pare proprio sia rivolto a sviluppare e incentivare quale fonte di energia quella elettrica e molte case automobilistiche stanno investendo ingenti risorse affinché tale soluzione tecnologica possa sostituire gradualmente la dipendenza dai combustibili fossili.

Fra i numerosi vantaggi della propulsione elettrica ve né uno a noi molto caro, ossia i veicoli elettrici non emettono rumore o, meglio, il livello sonoro da questi generato è assai contenuto. Di conseguenza, se nelle nostre città si utilizzassero tali mezzi potremmo attenderci una drastica riduzione dei livelli di rumore, a tutto vantaggio di una qualità di vita migliore.

L’Europa, assai sensibile a questi temi, è impegnata con il progetto “ENFICA FC” (ENvironmentally Friendly Inter City Aircraft powered by Fuel Cells) alla realizzazione e sviluppo del primo aereo a propulsione a idrogeno. Il progetto è seguito da un team di esperti di diverse nazioni fra le quali l’Italia, grazie al supporto del Politecnico di Torino, l’Università di Pisa e l’azienda Mavel Elettronica (per maggiori informazioni visitate il sito web: www.enfica-fc.polito.it).

Il progetto, iniziato nel 2006, prevede di concludersi positivamente con i test finali di volo proprio in questi mesi di febbraio/marzo 2010. Certamente la strada da compiere è ancora lunga, ma il lavoro intrapreso rappresenta una chiara dimostrazione di come lo sviluppo di tale tecnologia, per i futuri mezzi di trasporto, sia possibile.

Da parte nostra non possiamo che sostenere tali iniziative, incoraggiando quanti, con i pochi mezzi a disposizione, lavorano per assicurare alle generazioni future un mondo che, speriamo, possa diventare un tantino migliore.

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768