The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 marzo 2017

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

La posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

Giovani e musica…classica?

A cura di Elena Cipani (Sito web: elenacipanipsicologa.it)

rilassarsi con la musica... »musicamente

Se si chiedesse a un ragazzo italiano quale sia il suo tipo di musica preferito quasi sicuramente risponderebbe che ascolta musica pop, rock, rap, hip-hopla musica classica non è quasi mai considerata. E si pongono le seguenti domande:

1. perché i giovani non ascoltano musica classica?

2. perché ascoltare anche musica classica?

3. cosa influisce sulle scelte musicali?

Per quanto riguarda la risposta alla prima domanda ci sono vari motivi per i quali i giovani non ascoltano la musica classica: da varie ricerche ed interviste emerge come la musica classica non sia proprio conosciuta tra i ragazzi: questo è il problema fondamentale che deriva dalla mancanza di una reale educazione alla musica e al suo ascolto. Di conseguenza, la musica classica è spesso sminuita e svalorizzata, definita una "lagna", come qualcosa che fa addormentare. Dal punto di vista dei ragazzi, l'ascolto di un genere musicale che non incontri il favore della maggioranza può equivalere a sentirsi esclusi dal gruppo in un momento della vita in cui sarebbe quasi impensabile non avere un proprio gruppo di appartenenza. Fondamentale è il significato che i giovani attribuiscono alla musica "di oggi" perché rappresenta un metodo per evadere dai problemi, un rifugio presso cui ripararsi dalle difficoltà di ogni giorno. Un modo forse per non pensare…questo aspetto, se da un lato mostra la tristezza di un mondo che costringe i giovani a cercare sollievo, dall'altro incontra purtroppo la mentalità consumistica che porta all'ascolto di determinati generi musicali. La musica classica può aiutare ad evadere ad un diverso livello nel senso che consente un tipo di "evasione" che non sia una fuga ma che favorisce il pensiero e i collegamenti tra le idee.

In riferimento alla seconda domanda (perché ascoltare musica classica?) molti studi scientifici hanno rilevato come la musica classica riesca a regalare numerosi vantaggi per la salute:

- stimola processi di pensiero migliorando l'attività cerebrale e facilitando l'esecuzione di vari compiti;

- favorisce un sonno migliore aiutando a rilassare mente e corpo;

- aiuta nella riduzione dello stress;

- aiuta a rimanere calmi durante la guida;

- favorisce il buonumore perché influisce positivamente sull'ormone dello stress e sulla produzione di endorfine;

- combatte l'ipertensione, influisce sull'organismo normalizzando il battito cardiaco e la respirazione;

- aiuta a ridurre il dolore fisico, sia cronico che post operatorio;

- è facilitante per chi segue una dieta perché se si è tranquilli si gusta meglio il cibo e molto probabilmente si è portati a mangiare meno, oltre al fatto che lo stesso apparato digerente risulterà più rilassato;

- contribuisce ad un rafforzamento del sistema immunitario;

- aiuta ad entrare in contatto con le proprie emozioni facilitandone l’espressione;

- essendo scollegata da "mode del momento" favorisce un pensiero autonomo e scelte più libere da condizionamenti esterni.

Molto interessante è il risultato di uno studio sull'intelligenza…una ricerca svolta in America attraverso i test di facoltà ha rilevato che chi ascolta Beethoven, Bob Dylan e Radiohead è dotato di un'intelligenza particolarmente acuta. Al contrario, chi preferisce per esempio Beyoncé e Justin Timberlake non brilla particolarmente. Un risultato che, anche se forse non può essere considerato propriamente scientifico, può dare indicazioni sul rapporto tra gusti musicali dei giovani americani e il loro rendimento universitario. Ecco uno schema esemplificativo:

 

 

Risultato dello studio: Gli appassionati di Beethoven sono risultati i migliori nei test di facoltà.

Per quanto riguarda le risposte alla terza domanda (cosa influisce sulle scelte musicali dei giovani?), bisogna considerare come il mondo musicale dei ragazzi sia in continua trasformazione con ritmi e tecnologie talvolta difficili da comprendere. Se fino a qualche tempo fa la scuola e la famiglia riuscivano a trasmettere contenuti su cui erano state a loro volta formate con la convinzione di tramandare valori comuni, e la musica classica è un tesoro culturale del nostro paese, oggi questo passaggio sembra diventare sempre più complesso e difficile. La famiglia e la società sono fondamentali per il rapporto tra musica e giovani attraverso l'esposizione all'ascolto musicale e sarebbe molto utile consentire ai bambini e ai ragazzi di entrare in contatto con tutti i generi musicali. Infatti, se la famiglia mostra un orientamento aperto nei confronti dei suoni e della musica in generale, sarà più semplice anche per i più piccoli prendere confidenza con il mondo sonoro e imparare a prestare attenzione a tutti i suoni che li circondano, sviluppando una propria capacità di giudizio.

A livello sociale un ruolo fondamentale è svolto dalle case discografiche che influiscono sulle scelte musicali dei ragazzi riuscendo a determinare mode e atteggiamenti attraverso la promozione di determinati artisti. La musica è dappertutto, nei luoghi pubblici come nei negozi, nei centri commerciali o negli ascensori: il sottofondo abituale è rappresentato da musica pop e rock, non da musica classica. Non esiste possibilità di scelta di fronte a questo continuo bombardamento che è così insistente per cui non ci si chiede più come mai si debba essere sottoposti a tutto questo rumore, forse perché la moda del momento è questa.

Da un punto di vista più concreto, un giovane che si interessa a suoni e musica potrebbe impiegare la propria passione scegliendo un corso di studi che possa favorire lo sviluppo delle proprie risorse personali: un interesse senza una base rimane tale ma se a quell'interesse viene dato un adeguato supporto di conoscenze, le idee verranno poi da sole sviluppandosi come processo creativo in una "spirale positiva". Per esempio, si sta sempre più diffondendo la figura di ingegnere del suono (letteralmente dall'inglese, sound designer) che opera nel settore dei suoni e in particolare nella creazione e composizione di musiche e suoni per diversi settori, da quello industriale (suoni degli elettrodomestici, segnali di avviso o allarme nelle automobili, macchinari e attrezzature da lavoro) al settore forse più conosciuto della televisione, della radio, del cinema, della pubblicità e del marketing, della discografia e dei videogiochi.

Il mondo della musica è vario e i giovani sono continuamente esposti a sollecitazioni secondo i canoni musicali di oggi senza avere una reale possibilità di scelta a causa di condizionamenti dei quali si è più o meno consapevoli. Ma i bambini sono disposti ad apprendere quanto viene loro proposto e sanno cogliere molte più sfumature rispetto agli adulti. Anche i ragazzi più grandi, attraverso la loro sensibilità, possono trarre vantaggio da un ascolto musicale più vario che può dare molti spunti per la vita interiore, sociale e lavorativa. Sarebbe un peccato privare i giovani della possibilità di sviluppare pienamente le proprie potenzialità e creatività sia attraverso l'uso delle nuove tecnologie che con la conoscenza di almeno un po' di musica classica.

 

Approfondimenti

Per un approfondimento sullo studio americano sul rapporto musica e intelligenza si rimanda all'articolo "Musica: il legame tra gusti e intelligenza".

 

rilassarsi con la musica... »musicamente

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Acoustics Quality, Environment and Safety

Associazione Italiana di Acustica

 

Simposio

 

10 marzo 2017

Bolzano (BZ)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

492

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

FKL

Soundscapes & Sound Identities

 

Tecnica

Esperienze operative

Le soluzioni al rumore ambientale

 

OpeNoise

Misurare il rumore con il Tablet o lo Smartphon

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it