The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Dichiarazioni di conformità dopo il DM 37/2008. Implicazioni per l’isolamento acustico

Giugno 2008 - Fonte: EdilPortale.com


 

Questo mese desidero dare spazio ad un articolo apparso di recente su una delle più importanti testate giornalistiche online in materia di edilizia. Edilportale.com è un portale molto conosciuto nel panorama edilizio, un punto di riferimento per chi cerca informazioni nel settore delle costruzioni. Per tale ragione, acquista ancora maggior significato l'articolo pubblicato, il quale, sono certo, potrà favorire una profonda e, spero, costruttiva riflessione su un tema a me molto caro, ossia quello relativo alla certificazione delle qualità acustiche dei nuovi edifici.

Da tempo sono convinto sostenitore dell'idea che è necessario disporre, per la realizzazione dei nuovi edifici, di un chiaro e uniforme metodo di certificazione in materia di requisiti acustici, analogamente a quanto è già avvenuto in materia di risparmio energetico, con il progetto "Casa clima", un modello che, nonostante i primi timidi passi, ha saputo ritagliarsi un importante spazio nel panorama edilizio italiano e non solo, tant'è che oggi è diventato un vero e proprio standard progettuale.

Auspico ciò, a tutela di coloro che affrontano con entusiasmo ed ottimismo l'acquisto della propria nuova casa, trovando alle volte non poche spiacevoli "sorprese", ma anche nell'interesse di quei costruttori che investono importanti risorse per realizzare un edificio confortevole, tuttavia senza trovare adeguato riconoscimento in un mercato ancora poco sensibile a questo tema. Non voglio divulgarmi oltre, rimandando invece alla lettura dell'articolo.

"Dal 27 marzo è entrato in vigore l'obbligo di presentare la "Dichiarazione di Conformità" per tutti gli impianti posti a servizio degli edifici, indipendentemente dalla loro destinazione d'uso. Gli impianti interessati sono quelli elettrici, radiotelevisivi, di riscaldamento e di climatizzazione, impianti idrici e sanitari, del gas, ascensori o montacarichi e sistemi antincendio. Riteniamo che anche la Dichiarazione delle prestazioni acustiche diverrà un documento necessario al momento della compravendita di un edificio.

Il Dm 22 gennaio 2008 n. 37 disciplina la realizzazione e la modifica in condizioni di piena sicurezza degli impianti negli edifici, secondo quanto indicato dall'art. 1 della Legge del 05/03/1998. La prescrizione dell'articolo 13, anche in relazione ai fini di tutela della sicurezza delle persone, riguarda tutte le cessioni a qualsiasi titolo o di uso dei fabbricati, compiute a decorrere dall'entrata in vigore della disciplina. Ne consegue che dal 27 marzo del 2008 l'obbligo di garanzia previsto dall'articolo 13, riguarda tutti gli edifici anche preesistenti.

Ci sono voluti 18 anni perché entrasse in vigore l'obbligatorietà della "Dichiarazione di Conformità" ma è molto prevedibile che molto meno tempo passerà prima che venga utilizzato questo strumento in ambito legale, per garantire a chi compra un edificio, la tutela in caso di vendita o locazione. Su questa scia è molto probabile che anche la Dichiarazione delle prestazioni acustiche di un edificio diventi obbligatoria.

La necessità di garantire il comfort acustico degli edifici e le relative prescrizioni di legge sono regolate dal D.P.C.M. 5/12/97, che stabilisce i requisiti acustici passivi degli edifici secondo la loro destinazione d'uso. In alcune regioni d'Italia si è già resa obbligatoria la presentazione del progetto acustico di un edificio e dovrebbe essere ormai prassi consolidata la presentazione del collaudo acustico al momento della fine dei lavori. Purtroppo questo non sempre accade per negligenza ed ignoranza degli stessi acquirenti, ma il rispetto del potere fonoisolante di una struttura edilizia è obbligatorio.

Costruire realizzando un buon isolamento acustico di un edificio è relativamente semplice".

Lascio ad ognuno di voi la libertà di esprimere un proprio giudizio in merito, anche se non si può certo ignorare quanto utile sia poter lavorare con regole certe, nel pieno interesse di tutti.
 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768