The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 01 luglio 2019

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Casi precedenti

 

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Imparare

a Conoscere il Suono

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 16

Didattica

Corsi di formazione

Salute

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe

Joint Research Centre

- - -

Nuove linee guida sul rumore ambientale per l'Europa 2018 World Health Organization Europe

Salvaguardare il proprio benessere

Dott.ssa Elena Cipani

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Invia lettera

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

 

 

 

il Caso del mese

"Per me il mestiere che ho scelto, quello di giornalista, ha sempre significato raccontare la storia giusta al momento giusto"

(Enzo Marco Biagi)

L'Editoriale - Temi per aiutare a sensibilizzare l'attenzione per l'inquinamento fonico

Casi dei mesi precedenti >>

 

Il Suono come Esperienza e Terapia

Luglio 2019 - A cura di Alessandra Brusegan (sito web: conimmensacura.it)

 

In un portale che tratta di inquinamento acustico e rumori che disturbano, è una bella sfida parlare di suoni che, invece, accarezzano e curano.

 

I Suoni nella nostra vita

L’esperienza quotidiana ci dimostra che ci sono suoni, armonie e brani musicali che danno i brividi, altri che eccitano e aumentano la pressione del sangue e altri ancora che, al contrario, feriscono e indispongono.

La potenza dei segnali sonori è ancora misteriosa e quasi completamente sconosciuta; e ciò che più intriga gli studiosi è il fatto che il cervello avverta i suoni in modo automatico, incosciente e senza che occorra consapevolezza.

Sembra che l’udito sia il primo senso che si sviluppa nei feti e che suoni e musica siano percepiti a livello innato, in una porzione del cervello profondamente connessa con le nostre emozioni più intime e nascoste.

Un piccolo approfondimento sul suono

Dal punto di vista fisico e spaziale, il suono è una variazione di pressione dell’aria.

I suoni nascono da un’oscillazione che fa letteralmente vibrare le particelle di aria che si trovano nelle immediate vicinanze della sorgente: ogni particella, investita da questa pressione, fa muovere e vibrare le particelle che la circondano in un vero effetto a catena.

Quando questa oscillazione arriva alle cellule ciliate del nostro orecchio viene interpretata come un suono dal nostro sistema nervoso.

Le stesse vibrazioni arrivano allo stesso modo anche alle orecchie di chi soffre di sordità ma non generano impulsi cerebrali. Tranne in un caso: è incredibile, ma anche le persone gravemente sorde sono in grado di sentire la musica e le vibrazioni (1), specialmente se a bassa e bassissima frequenza: le avvertono direttamente nelle ossa o attraverso sensazioni tattili alle estremità, nelle mani e nei piedi.

È evidente, quindi, che è l’intero organismo che viene investito dalla pressione sonora e la “ascolta” attraverso diversi canali e non solo grazie alle orecchie.

Ed è proprio questo il punto da cui partiremo per raccontare come il suono possa essere un’esperienza sensoriale, anche terapeutica volendo.


Il suono come sensazione tattile

Il suono è dunque una pressione, un’energia che, come abbiamo dimostrato, investe, colpisce e avvolge il corpo intero come in un contatto fisico vero e proprio: ci sono suoni che sanno entrarci dentro e arrivare davvero nel profondo delle membra.

La sirena di una nave, qualcosa di pesante che cade nella tromba delle scale, il suono di un basso, la musica della discoteca… sono sensazioni che tutti abbiamo provato.

E in quelle occasioni è come aver sentito un colpo in pancia, qualcosa che sfiorava le ginocchia o un brivido sulla fronte: ecco la pressione che investe fisicamente l’organismo.

L’aspetto più affascinante e intrigante di tutto questo sta nel provare, esercitandosi, ad avvertire alcuni suoni proprio in questo modo: concentrandosi più che sulla percezione uditiva, proprio sulle sensazioni fisiche e tattili.

Come mani che massaggiano, alcuni suoni riescono davvero a toccarci.


Suoni e musica come vere e proprie coccole

Ascoltare basse frequenze suonate in modo ritmico è un’esperienza sensoriale piacevole ed eccitante. E lo è soprattutto dal punto di vista fisico ed emotivo.

Nessun riferimento, però, alle pratiche di musicoterapia e suonoterapia. Queste discipline sostengono che esponendosi a particolari frequenze sonore si può ri-allineare e rimettere in equilibrio la propria personale frequenza di vibrazione e guarire dalle malattie. Si tratta, tuttavia, di tesi che non sono ancora accreditate dalla comunità scientifica e che non tratteremo in questa sede.

Ci dedicheremo, invece, a qualcosa che è vero, vivo e alla portata di chiunque: le sensazioni tattili che derivano da alcune esposizioni sonore particolari. Con l’obiettivo inedito di imparare a riconoscerne il tocco e trarne beneficio dal punto di vista fisico e sensoriale soprattutto.


Bagno di Gong

Questa è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita: il Gong è quel famoso piatto di metallo di origine orientale, che è anche uno degli strumenti musicali più antichi del mondo.

Il concerto di Gong, suonato rigorosamente dal vivo sia all’aperto sia al chiuso, si chiama bagno perché il suo è un suono così avvolgente, denso e penetrante che riempie tutto lo spazio intorno a sé dando proprio una sensazione di immersione.

È un’emozione forte, umida e primitiva, quasi primordiale: in molti, infatti, ad occhi chiusi sentono come un ritorno all’acqua del ventre materno.


Massaggio sonoro con le campane tibetane

Per questo massaggio si utilizzano delle ciotole di metallo (in realtà, più che un metallo è una lega di diversi metalli) che hanno decine di dimensioni diverse: dalle più piccole che hanno un diametro di 7 cm, alle più grandi che arrivano anche a 39 cm e pesano oltre 4 kg.

Si suonano con dei piccoli percussori di legno che, più che battere sulla ciotola, devono essere strisciati lentamente proprio sul bordo. Il suono che emettono è incredibilmente armonico e varia in frequenza a seconda della dimensione della ciotola/campana.

Le sensazioni tattili di questo massaggio sono intensissime perché le campane vengono suonate appoggiandole direttamente sul corpo. È un massaggio frizzante e seducente, molto profondo nonostante le frequenze sonore emesse delle campane siano più alte di quelle del Gong.


Canti Gregoriani

I canti gregoriani arrivano intatti direttamente dal Medioevo: si cantano ancora senza accompagnamento musicale e in latino rigorosamente.

Le voci cantano all’unisono, nessuna simultaneità di note diverse e nessuna costrizione metrica.

La sua particolarità sta nel fatto che la frase cantata è perfettamente integrata con il respiro dei cantori mantenendo però ritmo e armonia.

L’esposizione ad un canto gregoriano dal vivo è un’esperienza spirituale e meditativa: la sonorità di questo canto monodico è molto profonda e terrena.

I muri, il pavimento, tutto vibra quando è investito da quelle onde sonore che hanno, anche, il pregio di avvolgere i presenti in una sensazione di totalità con gli altri.


La musica in generale

Sono migliaia gli studi fatti sulla musica e sul suono sinfonico di diversi strumenti a cui si aggiunge anche la voce.

Scientificamente sembra proprio che la musica, specialmente quando dà la pelle d'oca (2), stimoli l’attività di uno specifico sistema di neuroni, il Nucleus accumbens, che è quello coinvolto, in generale, nella gestione del piacere e nel rilascio di dopamina.

E nello stesso ambito si colloca anche un altro effetto neurofisiologico di una sessione di ascolto della propria musica preferita: intenso è, in questo caso, il rilascio di serotonina ed endorfina che sono i neurotrasmettitori con il compito di risvegliare il benessere e l’impulso vitale.


Più attenzione all’ascolto

La magia delle onde sonore è, e resterà presumibilmente, un mistero ancora per un po’ di tempo. Questo però rende ancora più interessante l’idea di sperimentare fisicamente nuove e diverse sensazioni sonore, ricercandone la componente corporea e tattile più che uditiva.

Gli esempi qui sopra hanno il solo obiettivo di stimolare la curiosità dei lettori e di promuovere l’ascolto consapevole di ciò che ci circonda, sempre allo scopo di arricchire la propria presenza ed esperienza sensoriale.

 

 

 

 

Link esterni (approfondimenti)

Sentire la musica e le vibrazioni (1):

Così ascoltano i sordi. Riflessioni attorno ad alcune testimonianze autobiografiche dei non udenti

 

La pelle d'oca (2):

Getting aesthetic chills from music: The connection between openness to experience and frisson

 

 


 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione

 

Ritiro igienista HSU

 

Detox di corpo e mente

 

06-12 luglio 2019

 Fanano (MO)

 

Guida Lavoro

Isolamento acustico

Manuale

di buona pratica

 

Associazione per isolamento termico e acustico

Arbitrato - conciliazione

FKL

Paesaggio Sonoro

Soundscapes & Sound Identities

Soluzioni al rumore ambientale

OpeNoise

Misurare il rumore

 

 

Motore di ricerca per Annunci lavoro

neuvoo.it

 

Codici

sconti e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it