The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre 2015

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

Bye-bye Acustica! Speriamo di rivederci presto

Ottobre 2014 - A cura della Redazione

 

Dopo una lunga “sosta” abbiamo deciso di riproporci nel tradizionale appuntamento del mese, presentando alcune riflessioni sulle prossime novità che dovrebbero interessare il campo dell’acustica ambientale.

Infatti, fra le numerose questioni poste al centro dell’attenzione dell’agenda di Governo, alcune di queste coinvolgono la prospettata depenalizzazione dell’articolo 659 del Codice Penale che disciplina il disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, la paventata revisione della Legge quadro sull’inquinamento acustico n. 447/95 per adattarla alle disposizioni europee in capo alla Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale e, non certo ultimo per importanza, l’ipotesi di dover accompagnare i risultati delle misure di rumore con l’indicazione dell’incertezza nella misura.

Tutti temi di indubbio interesse, specie per gli addetti ai lavori, che saranno chiamati ad affrontare l’ennesimo cambiamento senza nemmeno aver avuto modo di poter apprezzare gli effetti del quadro normativo appena trascorso, in molti punti rimasto purtroppo ancora incompiuto. Tuttavia, spira aria di cambiamento, rinnovamento, un’impellente necessità di crescita. Fatto è che la crescita rappresenta una “condizione di risultato”, non una “condizione di prerogative”.

Gli effetti dei buoni investimenti e del buon governo si traducono nella crescita e nella prosperità di una Nazione, che affonda le sue radici nell’innovazione e nello sviluppo delle conoscenze di una società.

Sta di fatto che, per conseguire questi ambiziosi traguardi, v’è necessità di disporre di un “sistema” efficace, le cui risorse non si disperdano nei rigagnoli dell’inefficienza e della corruzione, come bene ha saputo rappresentare il Procuratore generale della Corte dei Conti in occasione del giudizio di parifica sul rendiconto 2013 dello Stato. E l’Acustica non può certo esimersi da tali primari elementi.

In altri Paese europei, ma soprattutto negli Stati Uniti ed Asia dove il progresso tecnologico e scientifico hanno assunto standard di riferimento molto elevati e, non a caso, dove l’uscita dalla crisi è avvenuta in tempi molto più rapidi, le conoscenze maturate nel campo dell’acustica hanno permesso di innovare molti processi produttivi, creare nuove soluzioni - sia in campo civile che militare, inserire sul mercato nuovi prodotti, tutti elementi che portano nuova occupazione e, quindi, nuova ricchezza.

I processi economici nel mondo sono oramai da tempo cambiati, e questo ha imposto di dover accelerare il passo tecnologico se si vuole rimanere agganciati alla crescita economica in atto. Non dimentichiamo che gli Stati Uniti hanno visto nel secondo trimestre di quest’anno una crescita del prodotto interno lordo (PIL) di oltre il 4%, mentre il nostro Paese nel terzo trimestre continua ad esprimere una cifra in negativo.

Un simile scenario fa tornare alla mente i tristi finali di qualche film degli anni ‘20 in cui, dalla banchina di un porto, familiari, parenti e amici si radunavano a salutare coloro che, presi dalla disperazione, lasciavano il Paese in cerca di miglior fortuna, che con la mano tesa ed il fazzoletto bianco al vento salutavano la nave che, lentamente, si allontanava all’orizzonte.

Oggi su quella nave si trova il patrimonio scientifico, che l’Acustica ha concorso a definire, e noi, ora come allora, ci vediamo, nostro malgrado, costretti a salutare: bye-bye acustica, …speriamo di rivederci presto!

 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in Acustica Ambientale

Riconosciuto dalla Provincia di Lucca

Corso di formazione

 15 dicembre 2015

Capannori (LU)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

491

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it