The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Il sogno di una vacanza tranquilla
Agosto 2007 - A cura di Luciano Mattevi
 

Estate tempo di sole, mare e delle tanto agogniate vacanze. Un periodo che per alcuni ha il significato del divertimento e delle notti brave da trascorrere in discoteca o in qualche locale aperto fino a tarda notte, per altri, invece, hanno il sapore del riposo e della tranquillità, indispensabili per scaricare la tensione dopo un lungo periodo di lavoro. Ciò che sorprende, tuttavia, è constatare come queste due esigenze siano ricercate nei medesimi luoghi, con il solo risultato che ne gli uni, ne gli altri trovano adeguato appagamento ai loro desideri.

E’ oramai noto, infatti, che proprio durante il periodo estivo crescono le proteste di villeggianti e residenti disturbati dalla musica degli esercizi pubblici aperti fino a tardi e dalle urla e schiamazzi di coloro che esternano la loro allegria con “grida tribali”, scatenando l’ira di chi desidera semplicemente dormire. Per contro, si moltiplicano gli interventi nei forum di coloro che, a fronte delle limitazioni di orario disposte dalle Autorità comunali, nel tentativo di limitare questi fenomeni, considerano tali provvedimenti iniqui, oltreché responsabili dell’abbandono dei centri storici, i quali vengono ricondotti unicamente a dei “dormitori”.

Ma è proprio questo quello che si sta paventando all’orizzonte? Probabilmente sì, se si persevera nella cattiva, quanto inopportuna, costrizione di forzare la convivenza fra due esigenze tanto distanti tra loro: da un lato la residenza, con tutte le inevitabili esigenze di riposo e tranquillità, dall’altra la musica e il divertimento, i quali necessitano di spazi e di una certa, seppur lecita, libertà d’azione.

Trovare un giusto compromesso risulta, quindi, assai difficile, oserei dire impossibile. D’altro canto non è immaginabile poter trasformare i centri storici in discoteche all’aperto, al solo scopo di dare sfogo a chi desidera divertirsi; un divertimento orami modificato nel suo stretto significato di benessere e sempre più rivolto allo “sballo”, termine normalmente utilizzato per definire un stato di generale euforia.

Esistono dei precisi e noti meccanismi che regolano l’attività celebrale in presenza di musica ad alto volume, presentati in numerosi studi. In particolare, è nota la relazione fra musica e alcool o droghe, un mix deleterio per l’intero organismo (vedi articolo: ecstasy e musica); così com’è noto un aumento della somministrazione di alcool in locali dove la musica è riprodotta a volumi elevati. Non ritengo corretto, tuttavia, esprimere un qualche giudizio al riguardo, non è questo lo scopo del mio intervento, quanto, piuttosto, è importante dare risalto a due distinte esigenze, al fine, se possibile, di trovare una qualche soluzione.

L’esigenza di poter divertirsi non è meno importante dell’esigenza di poter riposare, entrambe le condizioni, infatti, sono utili per il benessere psicofisico della persona. Come, invece, sia possibile ottenere entrambi gli scopi è stato già oggetto di precedenti editoriali. Quello che probabilmente non s’è considerato è l’esigenza di fornire un maggior grado di tolleranza alle ragioni di ambedue i soggetti, perché se è vero che il settore turistico ha un peso rilevante nell’economia del nostro Paese, altrettanto bisogna riconoscere che luoghi eccessivamente rumorosi non sono, di certo, d’attrattiva a quel sempre più numeroso pubblico che fugge dallo smog e dal rumore delle città alla ricerca di pace e tranquillità.
 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768