The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home
Su

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 12

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

Parola d'ordine "semplificazione"
Ottobre 2007 - A cura di Luciano Mattevi


Molti dei provvedimenti indicati dall’attuale quadro normativo in materia di inquinamento acustico sono rimasti disattesi. Pensiamo, ad esempio, alla classificazione acustica del territorio comunale, della quale alcune Amministrazioni locali sono tuttora sprovviste, ai piani di risanamento ad essa correlati, agli adempimenti in capo alla direttiva europea in materia di determinazione e gestione del rumore ambientale (2002/49/CE), per terminare con i requisiti acustici degli edifici.

In un quadro generale così increscioso, seppur reale, che senso ha continuare a promulgare nuove leggi quando quelle in vigore non hanno, in alcuni casi, mai visto piena applicazione? Nell'affermare ciò, credo di esprimere un pensiero comune, anche fra gli addetti ai lavori.

In questi anni il Paese ha manifestato difficoltà a reagire con prontezza alle mutate esigenze della popolazione e alle inevitabili necessità di un mondo che sta cambiando rapidamente. La legge n. 447/95, legge quadro sull’inquinamento acustico, ha orami numerosi anni sulle spalle, eppure molti adempimenti sono rimasti ancor oggi incompiuti.

Potrà sembrare fin troppo banale, e se questa è l’impressione che suscito vogliate, fin d’ora, scusare la mia schiettezza, ma perché ostinarsi a voler percorrere una strada che pare senza via d'uscita? Non sarebbe forse meglio intraprendere un nuovo cammino, semplificato nei contenuti ma rapido nella sua attuazione? Io sono convinto di si, perché alle persone che vivono quotidianamente i disagi prodotti dall’inquinamento fonico poco importa delle tante promesse e delle altrettante leggi che dovrebbero offrire loro tutela. Ritengo, invece, che a costoro interesserebbe maggiormente la consapevolezza di avere risposte concrete in tempi certi. Sono altresì convinto che non ci sia la soluzione “in tasca”, anche se, partire da una semplificazione delle attuali regole, è, in ogni caso, un buon inizio.

Molti sarebbero gli esempi da portare a sostegno di questa tesi, uno fra tutti la lungaggine burocratica che coinvolge la fase di studio (analisi e progettazione), così macchinosa, la quale, in certi casi, sovrasta il tempo necessario per realizzare l’opera di risanamento.

L’iter amministrativo al quale è sottoposta l’approvazione di un progetto richiede oggi mesi, se non addirittura anni, per giungere a conclusione, con il risultato che, quasi inevitabilmente, quando l’intervento viene terminato, questi è oramai obsoleto. Un destino questo che sta interessando le barriere antirumore. Infatti, mentre in Italia solo di recente è iniziata una loro diffusa applicazione, nel resto d’Europa si stanno rimpiazzando tali schermi protettivi con altre soluzioni, maggiormente efficaci e durature ma meno impattanti, quali: gallerie artificiali, viabilità alternative, interventi a sostegno di una mobilità eco-compatibile, ed altro ancora.

In certi momenti, ho l’impressione che il ruolo di fanalino di coda che, per molti anni abbiamo rivestito nel campo ambientale, ci abbia persuaso ad un atteggiamento arrendevole in cui si è portati a credere che, in fondo, non si possa fare nulla. Ma, alle volte, è proprio dal nulla, quando meno te lo aspetti, che nascono le idee migliori.
 

 

 

| torna all'inizio |

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

22° Congresso Internazionale sul Suono e le Vibrazioni

International Institute of Acoustics and Vibration

Congresso

12-16 luglio 2015

Firenze (FI)

Network solidale

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

D.Lgs. n. 81/2008

Manuale

di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

471

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768