The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre 2015

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

Rumore di un depuratore e di una fabbrica

 

Buongiorno, Le rispondo brevemente, anche se non ho buone notizie.

Per il depuratore, la cosa migliore è fare un esposto all'ARPA, specificando tempi di funzionamento e momenti in cui (solitamente) c'è più rumore, in modo da consentire ai tecnici di organizzarsi per le misure.

Chieda di fare una misura di lunga durata, in quanto non è certo sui periodi di immissione, possono farlo tranquillamente.

Il problema è che gli impianti del depuratore sono a "ciclo continuo", e quindi il tecnici ARPA dovranno applicare il regolamento relativo, per cui ci potrebbero essere problemi in quanto se il rumore assoluto immesso nell'area è inferiore a quello stabilito per la classe di zonizzazione, non si applica il differenziale, e quindi rischia di trovarsi nella situazione che se la zonizzazione è sbagliata o "benevola" anche se il differenziale è elevato, il rumore risulta sopportabile.

Se questo succede, e se Lei ritiene di avere delle immissioni tropo elevate, dovrà ricorrere al tribunale civile chiedendo un ex Art. 700 c.p.c. e facendo riferimento al criterio della "normale tollerabilità".

Analogamente, per la casa in montagna, deve fare un esposto al Comune, specificando orari, disturbi eccetera, se riesce a coinvolgere qualcuno altro è meglio, avrà più peso; comunque chieda anche in questo caso l'uscita dei tecnici ARPA, la zonizzazione non è importante, in quanto in caso di abitazioni si deve fare la verifica del differenziale di immissione all'interno dei luoghi abitati, e quindi rimangono 5 dB di giorno (06.00-22.00) e 3 dB la notte (22.00-06.00).

 

In bocca al lupo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in Acustica Ambientale

Riconosciuto dalla Provincia di Lucca

Corso di formazione

 15 dicembre 2015

Capannori (LU)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

491

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it