The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 05 dicembre 2015

Informazione on-line dal 2004 su inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

Bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 15

Didattica

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta

dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

il motore di ricerca per annunci di lavoro

Codici sconto e offerte

 Come risparmiare negli acquisti online

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

Mancata osservanza del regolamento di condominio per la piscina condominiale

 

Il Suo problema è più di carattere giuridico-amministrativo che acustico: il fatto che vi siano schiamazzi all’interno di un area privata dovuto ai frequentatori della piscina è da ricondurre infatti a un problema di amministrazione e regolamento della piscina e di tutti gli spazi condominiali in genere.

Ho avuto un caso in cui il proprietario di un appartamento aveva fratto causa ad una enoteca posta all’interno del condominio, ma in questo caso era espressamente proibito che ci fossero attività rumorose commerciali, come in effetti questa era. Per gli schiamazzi in teoria si potrebbe ricorrere al Giudice, lamentando un supero rispetto all’art 844 del cod. civ., ma a chi fa causa? A tutti i frequentatori? Sicuramente dovrebbe farla all’amministratore, che poi farà qualche cosa per cercare di limitare i disturbi.

Io farei scrivere da un Legale direttamente all’Amministratore chiedendo che si faccia qualcosa per limitare i rumori, magari installando una telecamera di controllo in modo da poter sanzionare gli eventuali inquilini più maleducati, ma non vedo altra soluzione.. magari potrebbe impedire l’uso della piscina nelle ore di riposo, ma ovviamente si dovrebbe modificare il regolamento, e questo andrà a maggioranza.. solo nel caso non si riesca a fare nulla vedrei la possibilità di una causa civile contro il condominio.

 

Buona giornata.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

Tecnico Competente in Acustica Ambientale

Riconosciuto dalla Provincia di Lucca

Corso di formazione

 15 dicembre 2015

Capannori (LU)

Solidarietà

SOLidarietà all'Impresa e al Lavoro Etico Sociale

Guida Lavoro

Comitato Paritetico Territoriale

Isolamento

Manuale

di buona pratica

Soluzioni tecniche per edilizia civile e industriale

Pubblicazioni

491

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

info@inquinamentoacustico.it