The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

L'insopportabile rumore prodotto dal cantiere del passante ferroviario di Torino

 

Egregio signor Davide,

il problema è effettua i lavori avrebbe dovuto preparare una verifica previsionale di impatto acustico in funzione delle macchine impiegate, della loro rumorosità, della durata delle varie operazioni, e verificare se i limiti di zona fossero o meno superati.

Dato che è certo che i limiti siano superati, normalmente il Comune concede una deroga sui livelli massimi in facciata degli edifici, deroga che però non è “aperta a tutto”, in ogni caso la ditta deve impegnarsi a NON superare un livello massimo stabilito dal Comune, che normalmente, in altre municipalità, è fissato in 75 dB(A); e soprattutto questo livello NON può essere SEMPRE raggiunto, ma solitamente il Comune dà due fasce di orario, esempio 10-12 e 14-17, in modo che il vicinato non debba essere troppo esposto al rumore.

Inoltre solitamente viene chiesto alla ditta di realizzare tutte le opere possibili per il contenimento del rumore, ad esempio cesate metalliche o barriere mobili, in modo da limitare le emissioni.

Quello che suggerisco io è: fare un comitato, depositare un esposto al Comune e chiedere, la verifica previsionale ai sensi della Legge 447/95, e della documentazione relativa alle deroghe concesse ed alle loro limitazioni, se sono rispettate o meno.

Suggerirei anche di impedire al tecnico della ditta di accedere per fare le misure, che dovrebbero essere fatte solo da Vostri tecnici o da tecnici ARPA.

Tra parentesi, le misure dell’ARPA cosa hanno stabilito? Una settimana solitamente è sufficiente a determinare le fasi più rumorose ed i livelli di facciata.

Insomma, se qualcosa non và, indipendentemente da tutto, potete chiedere che venga fatto qualcosa per limitare le emissioni.

Mi tenga informato, la cosa è interessante.. io per altri grossi cantieri ho dovuto svolgere una mole di calcoli e verifiche strumentali non indifferente, mi chiedo come mai qui non sia lo stesso.

 

Cordiali saluti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768