The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

...Lo strano corso della Giustizia

 

Egregio signor Barral,

purtroppo in entrambi i casi Lei non mi chiede di esprimere un giudizio tecnico, ma uno legale, e non sono in grado di farlo.

Per la prima cosa, devo dire che sono perplesso: a fronte di una C.T.U. e di diversi verbali, mi sembrava logico che venisse riconosciuta semplicemente una valutazione del disturbo subito, e questa cosa della dimostrazione della continuità del disturbo doveva essere palese, visto il livello del supero e le volte in cui sono stati trovati, ma purtroppo non essendo un legale devo solo prendere atto di questo strano modo di vedere le cose, che però dovrebbe essere suffragato da qualche motivazione (legale).

Tenga presente che comunque la Legge non stabilisce quanto devono durare i disturbi per poter essere causa di risarcimento biologico, in quanto dovrebbe essere provato quest’ultimo indipendentemente dalla durata stessa del disturbo, ovvero, taluni possono avere problemi anche solo dopo pochi giorni ed altri dopo mesi o anni; non si fa mai riferimento ad una necessità di verifica della continuità del disturbo, ma allo stato della persona; il problema è che il riconoscimento della patologia è lungo e difficile.

Per quanto riguarda la seconda parte, io sono del parere che dopo due giorni di disturbo così elevato, ed a fronte della possibilità di prosecuzione, si debba fare immediatamente un esposto al Comune minacciando azioni legali nei confronti di chi ha rilasciato licenze; purtroppo la legge non stabilisce la durata delle attività temporanee, ed il Giudice ha applicato alla lettera la normativa, molto lacunosa, ma che appunto non lascia molto spazio ad interpretazioni diverse; se pensa che i cantieri edili durano anni e sono comunque considerati temporanei, capisce che 15 giorni di disturbo per la legge non sono nulla.

Devo comunque ribadire che per esprimere un giudizio corretto dovrei rileggere tutti gli atti ed il loro svolgimento.
 

 

 

 



 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768