The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

Intraprendere un'azione legale nei confronti di un esercizio pubblico

 

Egregio Sig. G.D.

l’ARPAT dovrebbe aver trovato un supero di 5,8 dB contro i 3 dB di legge, e non 2,8 che non è un valore solitamente utilizzato, forse si confonde con il fatto che il supero verificato è appunto 5,8 - 3 = 2,8 dB, ma anche in questo caso mi sembra strano, perché il criterio amministrativo prevede l’arrotondamento a 0,5 dB, e quindi 5,8 diventerebbe 6,0.

Detto questo, sicuramente se viene ritrovato un supero di circa 3 dB con il criterio amministrativo, allora stia certo che con il criterio della normale tollerabilità, che fa il calcolo del differenziale tra valore massimo di immissione ed il valore del rumore di fondo inteso come percentile L95 e non come LEQ, il valore differenziale si incrementerà di almeno altri 5 dB, e quindi capisco il Suo disagio e quello della Sua famiglia.

Per quanto concerne la Sua domanda, si, dovrebbe essere sufficiente presentare le due perizie, tenga presente che in fase di causa sarà il Giudice a nominare un C.T.U. che valuterà gli aspetti legali del danno alla salute, e che pertanto, seppur importanti, non saranno determinanti; tuttavia questo è un aspetto più legale che tecnico, e Le consiglio di parlarne con il proprio Legale.

Per quanto riguarda il Tecnico specializzato, si, è necessario in quanto entrambe le parti devono nominare un C.T.P., ovvero un Commissario Tecnico di Parte, mentre il Tribunale, nella persona del Sig. Giudice, nominerà un C.T.U., ovvero un Commissario tecnico di Ufficio, che sarà il “dominus” della situazione.

Non Le consiglio di rimanere senza, altrimenti il tecnico di parte resistente avrà gioco facile, e se può, ne scelga uno esperto, che fa sempre la differenza.

In bocca al lupo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768