The new Art

of Silence

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2014

Informazione on-line dal 2004 sull'inquinamento acustico

Testata giornalistica specializzata

 

Home

 

Cerca nel sito

 

 

Site search technology courtesy Free Find

Fisica Onde Musica

Università di Modena e Reggio Emilia

Giuridica

Giurisprudenza rumore

Ante 2011

Post 2011

La bacheca

Cerco Compro Vendo

Annunci presenti: 9

Materiale didattico

Corsi di formazione

Novità

Guida metodologica per la stima del carico di malattia da rumore ambientale

World Health Organization Europe (WHO) Joint Research Centre (JRC)

Posta dei lettori

Disturbo

Proposta

Protesta

Siti web

Selezionati dalla rete

Governance and Integrated Observation of Marine Natural HAbitat

Ascoltare il silenzio

Web-museo del suono

Servizi utili

Annunci gratuiti

Gazzetta Ufficiale

IT Directory

Meteo

 

La risposta dell'esperto

A cura di Marcello Brugola

 

 

...Vivere Vicino alla FI-PI-LI

 

Gentile signora Biagi,

riporto quanto ho già esposto in un precedente articolo, relativamente ai livelli di rumorosità stradale stabiliti dal D.P.R. n. 142 del 30/03/04; questo Decreto stabilisce limiti relativi al rumore stradale in funzione della tipologia di infrastruttura, della distanza dalla stessa e della tipologia di recettore:

bullet

in fascia di pertinenza acustica di infrastrutture di nuova realizzazione di tipologia A-B-C-D:

a) 50 dB(A) Leq diurno, 40 dB(A) Leq notturno per scuole, ospedali, case di cura e di riposo; per le scuole vale il solo limite diurno;

b) 65 dB(A) Leq diurno, 55 dB(A) Leq notturno per gli altri recettori;

bullet

in fascia di pertinenza acustica di infrastrutture esistenti di tipologia A-B-C-D:

a) 50 dB(A) Leq diurno, 40 dB(A) Leq notturno per scuole, ospedali, case di cura e di riposo; per le scuole vale il solo limite diurno;

b) 70 dB(A) Leq diurno, 60 dB(A) Leq notturno per gli altri recettori, in fascia A per strade di tipologia A-B-C ed in fascia di pertinenza acustica di strade di tipologia Da;

c) 65 dB(A) Leq diurno, 55 dB(A) Leq notturno per gli altri recettori, in fascia B per strade di tipologia A-B-C ed in fascia di pertinenza acustica di strade di tipologia Db;

bullet

in fascia di pertinenza acustica di infrastrutture esistenti o di nuova realizzazione di tipologia E-F, i limiti sono definiti dai Comuni nel rispetto dei valori limite assoluti di immissione e comunque in modo conforme alla zonizzazione acustica delle aree urbane.

L’ampiezza delle fasce di pertinenza acustica, determinata a partire dal confine stradale,
è la seguente:

bullet

infrastrutture di nuova realizzazione:

tipologia A-B-C1: 0-250 m,

tipologia C1: 0-150 m,

tipologia D: 0-100 m,

bullet

infrastrutture esistenti:

tipologia A-B-Ca: fascia A 0-100 m, fascia B 100-250 m,

tipologia Cb: fascia A 0-100 m, fascia B 100-150 m,

tipologia D: 0-100 m.

 

Per tutte le tipologie di infrastrutture di trasporto (ferroviaria e stradale), i relativi decreti stabiliscono che, qualora i valori limite non siano tecnicamente conseguibili, ovvero qualora in base a valutazioni tecniche, economiche o di carattere ambientale si evidenzi l’opportunità di procedere ad interventi diretti sui recettori, deve essere assicurato il rispetto dei seguenti limiti:

a) 35 dB(A) Leq notturno per ospedali, case di cura e case di riposo;

b) 40 dB(A) Leq notturno per tutti gli altri recettori di carattere abitativo;

c) 45 dB(A) Leq diurno per le scuole.

I valori suddetti sono valutati al centro della stanza, a finestre chiuse, all’altezza di 1.5 m dal pavimento.

Ora, i livelli sono ovviamente stati scelti in base ad un compromesso che penalizza, secondo mje, chi vive vicino a queste strade, ma purtroppo questa è la legge; con valori più bassi molte strade dovrebbero essere chiuse o fatte passare sotto dei tunnel perpoter rispettare i limiti.

Detto questo, e non conoscendo i valori rilevati dall’ARPAT Toscana, (che assicuro essere esperti e preparati) non posso che suggerire di creare un comitato e fare effettuare delle misure nei punti maggiormente critici da parte di un tecnico competente, misure che devono durare almeno una settimana per punto per poter essere statisticamente valide.

I costi purtroppo sono alti, ma se riuscite a trovare un accordo tra una decina di famiglie la quota non sarà eccessiva.

Fatte queste misure, il tecnico potrà fare una perizia asseverata e con questa, se i valori saranno maggiori della norma, si potrà chiedere al Comune o all’ANAS (se il tratto di competenza è loro, altrimenti alla Società che ha in gestione il tratto autostradale) di intervenire.

Senza misure, però, non è possibile sapere se e di quanto siete fuori.

 

 

 

 



 

 

 

 

 

Pubblicità

 

 

Misure in acustica, strumentazione e software

Spectra S.r.l.

Corso gratuito

23 giugno 2014

Napoli (NA)

Documenti in evidenza

Articoli selezionati

Guida Lavoro

D.Lgs. 81/2008

Manuale di buona pratica

a cura di ISPESL

Comitato Paritetico Territoriale

 

Pubblicazioni raccolte

466

Documenti liberi estratti dalla rete o forniti dagli Autori

 

 

Associazione nazionale per l'arbitrato & la conciliazione

Organismo di mediazione Iscritto nel Registro Min. Giustizia

 

 

| chi siamo | contatti | copyright | lavora con noi | partner | privacy | redazione |

 

 

Inquinamentoacustico.it ®

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768